Mondo

Dalla Svezia alla Germania, i Paesi dove si lavora di più. Italia…

  • Abbonati
  • Accedi
Servizio |il confronto europeo

Dalla Svezia alla Germania, i Paesi dove si lavora di più. Italia ultima nella Ue

Non è bastata la riforma Fornero e di certo non “aiuterà” la quota 100 allo studio del Governo: l’Italia resta il paese con il ciclo di vita lavorativo più corto d’Europa. Prendiamo un ragazzo di 15 anni: da noi ha davanti a se - secondo i dati Eurostat 2017 - un’aspettativa di 31,6 anni da passare al lavoro, contro una media europea di 36 anni. Tra noi e la Svezia - al primo posto considerando i paesi della Ue- ci sono oltre 10 anni di differenza, e anche se le cose sono migliorate negli ultimi anni, il nostro paese resta fanalino di coda in Europa. Se guardiamo il ranking 2017 si evidenzia una “doppia velocità” tra Nord Europa e Sud Europa (insieme ad alcuni paesi dell’Est).

Le prime tre posizioni con la maggior aspettativa di vita lavorativa sono occupate da Islanda (47 anni), Svizzera (42 anni e mezzo) e Svezia (41,7 anni). A seguire Olanda, Danimarca, Norvegia, Gran Bretagna, Estonia, Germania e Finlandia (tutte dai 38 anni in su). Sotto la media europea troviamo invece paesi come la Francia, la Spagna, Malta, mentre agli ultimi posti del ranking fanno compagnia all’Italia, la Croazia (32,5 anni) e la Grecia (32,7 anni).

Riflettori puntati sull’Italia
Il risultato dell’Italia, pur negativo sullo scacchiere europeo, evidenzia un miglioramento rispetto al passato. Nel 2000 la durata della vita lavorativa era di 28,5 anni, oggi è di tre anni più alta. Tra gli uomini si è passati dai 34,8 anni del 2000 ai 36,2 anni dello scorso anno e anche le donne pur partendo da livelli bassissimi sono passate da 21,9 anni a 26,8 del 2017. Sono proprio queste ultime infatti che hanno sempre spinto verso il basso la durata della vita lavorativa degli italiani: ancor oggi il tasso di occupazione femminile è al di sotto del 50% (49,5% a ottobre 2018) e siamo i peggiori dopo la Grecia.

Ma non è solo una questione di genere. L’aspettativa lavorativa italiana è bassa anche perché la quota di inattivi si mantiene su livelli alti. Si parla di 13,2 milioni di persone tra i 15 e i 64 anni che non partecipano attivamente al mercato del lavoro, che si confrontano con 23,3 milioni di occupati e 2,7 milioni di disoccupati. Il tasso di inattività è al 24,7% tra gli uomini e quasi doppio tra le donne (43,7%), per una media del 34,2 per cento.

LA DURATA DELLA VITA LAVORATIVA PER UN GIOVANE DI 15 ANNI

© Riproduzione riservata