Mondo

Le bufere di borsa affondano i buyback: Apple brucia 9 miliardi sui propri…

  • Abbonati
  • Accedi
mercati

Le bufere di borsa affondano i buyback: Apple brucia 9 miliardi sui propri titoli

New York - Non tutti gli investimenti delle grandi aziende americane, certo, hanno successo. Ma questa volta la scommessa rivelatasi costosa e' particolarmente paradossale: e' quella su se stesse. A non pagare, infatti, sono oggi le puntate sui propri titoli attraverso grandi operazioni di share buyback.
I capitali ottenuti grazie alla riforma americana delle tasse aziendali sono stati quest'anno in buona parte riversati in piani di acquisto di titoli propri. E le cadute della borsa hanno visto quell'investimento sempre più spesso andare almeno temporaneamente in fumo. Apple ha perso ben 9 miliardi di dollari. E perdite sono state sofferte da altri colossi della Corporate America, da Wells Fargo e Citigroup a Applied Materials.

I buyback sono stati una delle piu' popolari forme di impiego - piu' di nuovi investimenti produttivi -dei fondi entrati di sgravi fiscali, che hanno visto l'aliquota per le imprese scivolare dal 35% al 21% e incentivi al rimpatrio di profitti parcheggiati all'estero. Tanto popolare e' diventa come forma di restituzione di capitali agli investitori che i piani annunciati hanno superato il record dei mille miliardi di dollari - 1,1 miliardi per l'esattezza - nel corso dell'anno. Gran parte di questi annunci sono stati gia' messi in pratica: il terzo trimestre e' stato record per i marchi dell'S&P 500 con 200 miliardi in buyback effettuati. E la tendenza e' proseguita nel corso di un quarto trimestre dell'anno nonostante la volatilita', raggiungendo gia' a meta' dicembre il totale di 800 miliardi effettivi per il 2018.

PER SAPERNE DI PIÙ / Titoli tech, il boom di buyback non ferma i ribassi in Borsa

Ancora soltanto nel mese in corso, forse convinte di approfittare di temporanee flessioni dei titoli, numerose societa' nei settori piu' diversi hanno sollevato il sipario su una ripresa dei buybasck o su un loro incremento: da re dei social media Facebook al colosso delle carte di credito Mastercard, dalla farmaceutica AbbVie al gruppo petrolifero e del gas naturale Pioneer Natural Resources. Altri nomi protagonisti di recenti annunci vanno Boeing a Johnson & Johnson e Pfizer.

La partita va pero' andata bene finche' i singoli titoli mantengono comunque tendenze al rialzo, marciando verso massimi sostenuti proprio dai buyback. Si tramuta invece in perdite davanti a virate al ribasso dello quotazioni. Una vetrata protratta che ora sta mettendo a rischio la prosecuzione di un mercato rialzista del Toro ormai durato dice anni. Molte aziende, in un simile clima, rischiano di aver comprato i propri titoli a livelli sopravvalutati.

© Riproduzione riservata