Mondo

Sventato il colpo di stato militare in Gabon

  • Abbonati
  • Accedi
le ultime elezioni nel 2009

Sventato il colpo di stato militare in Gabon

Il presidente del Gabon Ali Bongo Ondimba in una foto d’archivio del luglio 2018 (Reuters)
Il presidente del Gabon Ali Bongo Ondimba in una foto d’archivio del luglio 2018 (Reuters)

Un portavoce del governo del Gabon, Guy-Bertrand Mapangou, ha detto che è stato sventato il tentativo di colpo di Stato nel Paese. La situazione, ha detto
Mapangou alla Bbc, è “sotto controllo” e quattro dei capi golpisti sono stati arrestati, mentre un quinto è in fuga.

In mattinata l’esercito del Gabon aveva diffuso la notizia, riportata dalla Bbc online, che i militari avessero preso il potere in Gabon, dove la famiglia del presidente malato Ali Bongo Ondimba è al potere da 50 anni.
Il golpe, avevano detto i militari, servirà “a ripristinare la democrazia”. I soldati annunciavano di aver preso il controllo della stazione radio nazionale nelle prime ore di oggi e leggevano un breve comunicato annunciando la costituzione di un Consiglio nazionale per la restaurazione. La Bbc riportava che carri armati e veicoli armati circolavano sulle strade di Libreville, la capitale.

Il presidente Ali Bongo Ondimba è stato eletto nel 2009 e lo scorso ottobre, dopo essere stato colpito da un ictus, è andato in Marocco per farsi curare: nel suo discorso di fine anno aveva rassicurato le popolazione sul suo stato di salute, ma i militari hanno definito il messaggio “uno spettacolo pietoso” e un “tentativo incessante di aggrapparsi al potere”.

Nato col nome di Alain-Bernard Bongo nel 1956 a Brazzaville, Ali è figlio di Omar Bongo, ex presidente del Gabon in carica per oltre 40 anni dal 1967 sino alla morte avvenuta nel 2009.

Il Gabon, piccolo stato dell’Africa Centrale con circa un milione e mezzo di abitanti, è stato governato da presidenti autocratici fin dalla sua indipendenza dalla Francia, ottenuta il 17 agosto 1960. È una delle nazioni più prospere della regione e del continente nero, grazie ad abbondanti risorse naturali e investimenti stranieri.

© Riproduzione riservata