Mondo

Milano: il Coro del Duomo con le voci bianche giapponesi

  • Abbonati
  • Accedi
Concerto congiunto della Cappella Musicale

Milano: il Coro del Duomo con le voci bianche giapponesi

“Oriente e Occidente si incontrano attraverso la Musica, vero e proprio linguaggio universale in grado, in poco tempo, di unire popoli, culture, fedi anche molto diversi tra loro”: e' il messaggio che ha accompagnato il singolare concerto congiunto tra il Coro della Cappella Musicale del Duomo di Milano (attivo dal 1402) con le voci bianche del coro “The Little Singers of Hyogo Inami”. Nella Chiesa di Santa Maria delle Grazie al Naviglio i piccolo cantori nipponici hanno concluso la loro nona tournée europea: “E' stata la nostra prima volta a Milano - afferma il Maestro Nobuhito Tsubakino -Siamo rimasti impressionati dall'accoglienza ricevuta”. Il loro arrivo e' frutto dei contatti intrecciati nel Sol levante durante le tournée gia' effettuate dal Coro della Cappella Musicale in Giappone: in prima assoluta nel 2014, poi nel 2017. “Speriamo di tornare nel 2020: ci sono contatti preliminari in corso”, rivela il maestro Claudio Riva
Il clou del singolare concerto e' stato il finale, in cui i piccoli cantori nipponici si sono uniti al Coro della Cappella del Duomo (voci adulte comprese) nel “Laudate pueri” di Mendelssoh-Bartholdy e il Cantate Domino di Hans Leo Hassler. Per i milanesi il prossimo appuntamento e' il 18 maggio alla Chiesa di San Marco a Milano, dove si replicherà una fusione tra l'antico canto ambrosiano e le melodie buddiste del coro Shingon Shomyo, che aveva gia' impressionato nel 2017 il pubblico di Tokyo.

CHI SONO I PICCOLI CANTORI DI HYOGO INAMI
Il coro di voci bianche giapponese “The Little Singers of Hyogo Inami” si compone di novanta cantori, dai 4 ai 19 anni, che si esibiscono in tre gruppi, distinti per fasce d'età. Il loro repertorio copre una vasta gamma di generi musicali, includendo canzoni giapponesi per ragazzi, brani popolari, composizioni rinascimentali per coro (Palestrina, Lasso), e motivi pop. Hanno anche eseguito composizioni di famosi autori giapponesi, come Michio Mamiya e Ro Ogura. Con la loro limpida armonia e una profonda passione per l'arte corale, i “The Little Singers” hanno attirato l'attenzione di molti professionisti e appassionati di cori. Ha vinto tre Golden Prizes del Japan Choral Association's Junior Chorus Festival. Inoltre, è regolarmente invitato ad esibirsi ad uno dei più importanti forum giapponesi di ricerca musicale da 29 anni. Fin dalla sua creazione nel 1990, i “The Little Singers” hanno intessuto relazioni internazionali con altri cori in più di dieci nazioni. Hanno partecipato, riscuotendo grandi successi, in più di 50 concerti in Austria, Repubblica Ceca, Olanda, Germania, Ungaria, Corea del Sud e Stati Uniti. Inami è una cittadina nel sud della prefettura di Hyogo, nel Giappone Occidentale, di circa trentamila abitanti, nota da più di cento anni per l'eccellente qualità dell'acqua, utilizzata per la preparazione del sake'.

© Riproduzione riservata