Mondo

Tassi in calo, Atene verso il rimborso anticipato del debito con l’Fmi

  • Abbonati
  • Accedi
i progressi della grecia

Tassi in calo, Atene verso il rimborso anticipato del debito con l’Fmi

Il premier della Grecia Alexis Tsipras
Il premier della Grecia Alexis Tsipras

I tassi di mercato dei bond greci hanno toccato ieri i minimi da quasi 14 anni, sulla prospettiva ravvicinata di un rimborso anticipato di quasi la metà del debito di Atene nei confronti del Fondo monetario internazionale: quelli sui decennali sono calati al 3,27, ai minimi dal settembre 2005 e a un passo dal record del 3,203% del giugno dello stesso anno, mentre quelli sui quinquennali hanno toccato il 2,15 per cento.

Balza all’occhio che ormai i titoli greci a cinque anni offrono un rendimento inferiore agli analoghi titoli di Stato Usa. Già nel weekend è stato preannunciato il raggiungimento di un accordo con l’Fmi per anticipare in buona parte il pagamento del debito (circa 9,3 miliardi, da estinguere nel 2024), che comporta l’esborso di interessi annuali intorno al 5 per cento, superiori agli attuali tassi di mercato. Atene conta così di risparmiare sul servizio del debito e, secondo anticipazioni, sarebbe pronta a effettuare nuove emissioni sul mercato tra qualche settimana.

Il governo greco desidererebbe disfarsi in anticipo di tutto il debito con l’Fmi, ma per ora le indiscrezioni segnalano una cifra limitata a 3,7 miliardi: i creditori europei devono dare l’ok e alcuni - a partire dalla Germania- vogliono che il Fondo resti coinvolto nella sorveglianza post-bailout.
Dopo il successo dei decennali greci emessi il mese scorso per 2,5 miliardi di euro, a rassicurare gli investitori è arrivato agli inizi di aprile il sospirato esborso alla Grecia di quasi un miliardo che era stato promesso dai creditori europei (e ritardato fino all’attuazione di alcune riforme).

Nell’ultimo World Economic Outlook, l’Fmi resta molto ottimista sull’andamento dell’economia greca e conferma un Pil 2019 in crescita del 2,4% (contro il 2,2% atteso dalla Commissione Ue e l’1,9% temuto dalla stessa Banca di Grecia).

© Riproduzione riservata