Mondo

L’Irlanda indaga su Facebook e Instagram per violazione delle password…

  • Abbonati
  • Accedi
Servizio |NUOVA INCHIESTA

L’Irlanda indaga su Facebook e Instagram per violazione delle password degli utenti

La Data protection commission, l’autorità irlandese che si occupa di regolamentare la privacy, ha aperto un’indagine su Facebook per verificare una possibile violazione di dati sensibili degli utenti. L’inchiesta è scattata dopo che la stessa società californiana ha scoperto che le password di «centinaia di milioni di utenti» di Facebook, Facebook Lite e Instagram sono state immagazzinate da alcuni ingegneri nei server del gruppo con un «formato leggibile», contravvenendo le policy interne del social network: in genere i codici di accesso forniti al momento del log-in sono protetti in maniera tale da essere inaccessibili a tutti i dipendenti del gruppo. L’episodio, scrive l’authority irlandese, potrebbe configurare una violazione del Gdpr, il regolamento sulla protezione dei dati diventato applicativo dal 25 maggio del 2018.

Cosa rischia Facebook in Irlanda e Usa
Nel caso si arrivi a una sanzione, il gruppo potrebbe essere esposto a multe fino al 4% del fatturato globale. Si tratta della 11esima inchiesta aperta da Dublino sul colosso social di Mark Zuckerberg anche se, ricorda il portale Politico, il paese continua a essere accusato di un atteggiamento troppo blando nei confronti dei giganti tech. L’Irlanda è nota per essersi trasformata in un hub per le multinazionali del digitale grazie a una politica fiscale particolarmente aggressiva, a partire da una tassa sul reddito di impresa sforbiciata fino a un mimimo del 12,5%. Non è ancora chiaro quale possa essere il peso del fascicolo per Facebook, ma l’annuncio arriva in coda a una lunga serie di problemi legali per il colosso californiano. Nel bilancio pubblicato ieri, l’azienda ha dichiarato di aver accantonato 3 miliardi di dollari per fronteggiare un’eventuale sanzione della Federatl trade commission americana, l’antitrust americana, sempre per violazioni sulla privacy nello scandalo Cambridge Analytica: la cessione dei dati di milioni di utenti all’omonima società di marketing politico. In questo caso la multa potrebbe spingersi anche fino a 5 miliardi di dollari.

L’Europa “bestia nera” dei colossi tech
Zuckerberg è reduce da un annus horribilis, almeno in termini di immagine, dopo l’esplosione del cosiddetto datagate e le sue ripercussioni su scala internazionale. A partire dalla Ue, diventata una delle istituzioni pionieristiche per la tutela della privacy dalle ingerenze dei colossi tech. Lo stesso Zuckerberg ha dovuto fronteggiare l’audizione di un gruppo di europarlamentari sulla cessione di dati di cittadini Ue e, ora, è nel mirino delle autorità per il rischio di diffusione di fake news in vista del voto di maggio. Al di là del social di Zuckerberg, la Commissione ha inflitto una serie di colpi ai giganti tech operativi nel Vecchio Continente, come le tre maxi-multe a Google per un totale di oltre 8 miliardi dieuro, contestando casi di abuso di posizione dominante e concorrenza sleale.

© Riproduzione riservata