Il caso

Monoclonali dimenticati, curati solo in 6mila: «I medici di famiglia ci mandino i pazienti»

L’Italia ha speso 100 milioni finora per acquistare 150mila dosi di anticorpi monoclonali. Peccato che, a oggi, siano stati trattati meno di 6mila pazienti

di Marzio Bartoloni

Arriva la cura monoclonale, Germania prima in Europa

3' di lettura

L’Italia ha speso 100 milioni finora per acquistare 150mila dosi di anticorpi monoclonali, forse l’unica cura contro il Covid efficace,a parte i vaccini, perché in grado di ridurre dal 50 al 70% i ricoveri a patto che i pazienti facciano le infusioni nei primissimi giorni dalla comparsa dei sintomi. Peccato che in tre mesi, da quando cioè abbiamo le 150mila dosi, sono stati trattati con i moncolonali meno di 6mila pazienti. Troppo pochi rispetto alle disponibilità, in pratica ne sono state utilizzate meno del 5 per cento.

«Certo ora ci sono meno contagi e ci sono i vaccini però è indubbio che questi farmaci siano poco conosciuti dai medici di famiglia che sono quelli che devono inviare questi pazienti precocemente nei centri per fare l’infusione che dura circa un’ora e poi dopo un’altra ora di controllo si torna a casa», racconta Emanuele Nicastri, direttore della divisione Malattie infettive dell’Istituto Spallanzani di Roma, uno dei centri che somministra gli anticorpi, «oggi ne ho fatte due di infusioni», spiega Nicastri.

Loading...

Pochi pazienti trattati con i monoclonali

In Italia finora sono stati solo 5.861 i pazienti Covid trattati con anticorpi monoclonali, e inseriti nell’apposito registro di monitoraggio realizzato dall’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) in 3 mesi, ovvero dal 10 marzo. Sono invece 192 le strutture coinvolte in tutte le Regioni. Dall’inizio del monitoraggio aggiornato al 4 giugno scorso, in numeri assoluti il Veneto risulta la Regione con il maggiore utilizzo con 773 pazienti trattati, seguito dal Lazio (764) e dalla Toscana (712), mentre agli ultimi posti ci sono Bolzano con 3 pazienti inseriti nel registro e il Molise con 13.

Perché così pochi pazienti? Innanzitutto c’è la non immediata somministrazione: «Pur essendo un farmaco destinato a pazienti a domicilio è una cura che si utilizza per via endovenosa e quindi è stato previsto di poterlo fare solo in ospedale». Nelle ultime settimane ha pesato anche il crollo dei casi e l’aumento dei vaccinati «soprattutto nelle categorie più a rischio». Ma Nicastri aggiunge anche che «forse i medici di famiglia non conoscono ancora bene questa possibilità di cura che è fondamentale se è utilizzata precocemente, cioè nei primissimi giorni di insorgenza dei sintomi. Per questo sarebbe importante che i medici sapessero bene come funziona».

I pazienti eleggibili per le infusioni

È stata l’Aifa a identificare l’identikit dei pazienti che possono accedere a questi farmaci: «I monoclonali non si utilizzano in tutti i pazienti positivi. I criteri principali sono l’età, l’obesità e la presenza di malattie croniche. Si tratta comunque di una platea molto ampia», spiega Nicastri. Che insiste nel sottolineare qual è il paziente ideale per questo tipo di terapia: «Il messaggio importante che deve passare è che i medici di famiglia o quelli che hanno in cura il paziente al primo sospetto di sindrome respiratoria acuta, magari anche dopo solo un tampone antigenico positivo, devono inviare subito il paziente al centro ospedaliero in modo da effettuare presto l’infusione del moncolonale. L’ideale è farlo entro i primi 3 giorni dall’insorgere dell’infezione. Sono infatti un’arma molto efficace nei pazienti nella primissima fase della malattia», spiega il medico dello Spallanzani di Roma

Come funzionano i monoclonali

Ma come funzionano queste terapie già impiegate in molti Paesi? «Il meccanismo è semplice: in pratica somministriamo quegli anticorpi che normalmente produrremmo da soli a partire dalla settima giornata di infezione. In sostanza anticipiamo la risposta al virus e per questo la precocità dell’infusione è fondamentale». Nicastri racconta come allo Spallanzani «per ora i pazienti siano soprattutto quelli più sensibili perché persone fragili o perché i medici frequentano il nostro ospedale e conoscono questa possibilità».

Il direttore della divisione Malattie infettive racconta anche la procedura per accedere a questa terapia:«Il medico di famiglia chiama o manda una mail (l’indirizzo è: monoclonali@inmi.it), dopo aver ricevuto l’apposito modulo dal medico noi rispondiamo entro il giorno successivo e contattiamo il paziente per decidere le modalità di erogazione: dopo aver visitato e valutato i parametri del paziente procediamo all’infusione che di norma dura un’ora. Dopo di che lo controlliamo per un’altra ora e poi lo rimandiamo a casa. Insomma in una mattinata è tutto finito».

Coronavirus, per saperne di più

Le mappe in tempo reale

L’andamento della pandemia e la campagna di vaccinazioni sono mostrati in tre mappe a cura di Lab24. Nella mappa del Coronavirus i dati da marzo 2020 provincia per provincia. In quelle dei vaccini l’andamento in tempo reale delle campagne di somministrazione in Italia e nel mondo.
Le mappe: Coronavirus - Vaccini - Vaccini nel mondo

Gli approfondimenti

La pandemia chiede di approfondire molti temi. Ecco le analisi, le inchieste, i reportage della nostra sezione 24+. Vai a tutti gli articoli di approfondimento

La newsletter sul Coronavirus

Ogni venerdì alle 19 appuntamento con la newsletter sul Coronavirus curata da Luca Salvioli e Biagio Simonetta. Un punto sull’andamento della settimana con analisi e dati. Qui per iscriversi alla newsletter

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti