lusso e pandemia

Montenapoleone, mancano 6 visitatori su 10. Crollo degli stranieri (-78%)

Deloitte monitora gli ingressi unici nel quadrilatero della moda milanese: 3,4 milioni nel 2020, -57% rispetto al 2019. Assente una quota importante di stranieri, ma quelli che sono arrivati sono rimasti più tempo (+23%).

di Marta Casadei

default onloading pic
Via Montenapoleone a Milano durante il lockdown di marzo (Ansa)

Deloitte monitora gli ingressi unici nel quadrilatero della moda milanese: 3,4 milioni nel 2020, -57% rispetto al 2019. Assente una quota importante di stranieri, ma quelli che sono arrivati sono rimasti più tempo (+23%).


2' di lettura

Il calo era palese già dalle ultime settimane di febbraio, con l’assenza dei cinesi in lockdown che rappresentano una fetta importantissima (30% circa) degli acquisti fatti da cittadini extra Ue in Italia.

Ora a dare le misure di questa flessione arrivano i numeri: nel 2020 il distretto Montenapoleone (che comprende le vie Montenapoleone, Sant'Andrea, Verri, Santo Spirito, Gesù, Borgospesso e Bagutta, tutte nel Quadrilatero) ha registrato 3,4 milioni di visitatori contro gli 8 milioni del Infatti, come emerso da un’analisi condotta da Deloitte che - avendo preso in carico il monitoraggio dell’area - ha messo a confronto l’andamento settimanale del numero totale di visitatori (italiani e stranieri) 2019-2020, nei primi 10 mesi del 2020 il numero dei visitatori unici del distretto Montenapoleone (3,4 milioni) ha registrato un calo complessivo del 57% rispetto agli oltre 8 milioni del 2019. Si sono registrati alcuni segni di ripresa già nella cosiddetta fase due, e quindi immediatamente dopo il lockdown di marzo-aprile, e un rimbalzo nel mese di settembre.

Loading...

Grandi assenti, inevitabilmente, anche viste le restrizioni imposte dai governi, gli stranieri: ne sono arrivati 379.308 contro i 1.739.764 del 2019, con un calo del 78 per cento. In particolare, l'analisi Deloitte rileva la totale mancanza dei visitatori cinesi e un calo di quelli russi. Di contro, è cresciuta la durata media delle visite dei visitatori stranieri che ha visto un aumento di circa il 23 per cento.

L’analisi, come già detto, è il primo frutto di un progetto che vede alleati Deloitte e Montenapoleone District. L’obiettivo del monitoraggio spaziale e temporale - che si basa sulle celle telefoniche della rete mobile 4G e 4.5 - è quello di creare un vero e proprio osservatorio sulle presenze nell’area, in modo da fornire dati utili agli esercenti.

«In un contesto di forte discontinuità abbiamo ritenuto importante investire con Deloitte nella creazione di un Osservatorio in grado di fornire ai brand e agli hotel lusso utili strumenti analitici per la definizione di strategie aziendali trasversali - ha detto Guglielmo Miani,presidente di Montenapoleone District - dal retail marketing al miglioramento dell'engagement e della shopping experience. Per rispondere all'evoluzione della modalità di accesso ai prodotti e servizi e alle esigenze di una clientela sofisticata diventerà infatti sempre più premiante l'integrazione di strumenti digitali e l'analisi dei big data nello sviluppo di innovative modalità di interazione relazionale e di vendita in ottica sempre più personalizzata».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti