terrorismo

Montpellier, quattro arresti. Preparavano attentato a Parigi

di Redazione online

(LaPresse)

1' di lettura

Quattro persone, tra cui una ragazza di 16 anni, sospettate di voler perpetrare un attacco a Parigi sono state fermate a Montpellier. Il blitz ha «permesso di sventare un progetto di attentato imminente», ha detto il ministro dell'Interno, Bruno Le Roux. «Siamo di fronte a una minaccia terroristica estremamente elevata», ha aggiunto il premier francese, Bernard Cazeneuve.

Nell'appartamento dei quattro individui fermati c’era un vero e proprio laboratorio per la preparazione di Tatp, un alto esplosivo (71 grammi erano già pronti) utilizzato negli attacchi di Bruxelles del 22 marzo 2016. Sono stati trovati - secondo fonti citate da Bfm-Tv - acetone, acqua ossigenata e acido solforico, tre sostanze necessarie per fabbricare la cosiddetta “madre di Satana”. Fonti dell'antiterrorismo hanno riferito che i quattro arresti sono scattati dopo indagini sui social network che hanno consentito di identificare i sospetti.

Loading...

Dalle prime informazioni raccolte, sembra che i quattro (tre dei quali erano già noti ai servizi antiterrorismo) preparassero un attacco kamikaze con cintura esplosiva in un sito turistico di Parigi. Uno dei tre uomini, 21 anni (gli altri due ne hanno 27 e 34), avrebbe dovuto sposarsi con la ragazza, che sarebbe poi partita per la Siria. La ragazza, secondo quanto riferito da Bfm-tv, aveva registrato un video di giuramento all'Isis due giorni fa. Questi fatti accadono a pochi giorni dall’aggressione di quattro militari al Louvre da parte di un egiziano di 29 anni.


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti