IL GIUDIZIO DELL’AGENZIA DI RATING

Moody’s declassa l’Italia a Baa3 con outlook stabile. Pesano strategia di bilancio e debito

di Alb.Ma.


Moody’s declassa l’Italia, cosa può succedere sui mercati

2' di lettura

Moody’s ha declassato il rating dell’Italia a Baa3 da Baa2, cambiando l’outlook in stabile. Fra le ragioni del downgrade, l’agenzia cita la prospettiva di un deficit più alto delle attese e gli impatti negativi dello stallo di riforme strutturali e fiscali («Manca un piano coerente per la crescita»). La prospettiva non è scivolata a un livello negativo perché la Penisola conserva «punti di forza» nel credito che bilanciano le sue fragilità a livello fiscale.

Nel suo giudizio, l’istituto ha considerato anche un «aumento» delle probabilità che l’Italia esca dall’euro, in risposta all’escalation di tensioni con i partner comunitari. Altro elemento di preoccupazione resta la crescita del debito, liquidando come «ottimiste» le stime governative. «Tutto come previsto»: così Palazzo Chigi ha commentato a caldo il taglio del rating.

LEGGI IL COMUNICATO DI MOODY’S SUL DECLASSAMENTO DELL’ITALIA

Il giudizio dell’agenzia era già stato pronosticato da alcuni operatori. Thomas Strobel, Economista, di UniCredit Bank a Monaco e Philip Gisdakis, Co-Head of Strategy Research, sempre di UniCredit Bank a Monaco, avevano scritto in una nota di aspettarsi che «Moody's tagli il rating dell'Italia di un gradino e assegni un outlook stabile mentre S&P probabilmente cambierà il suo outlook sul rating da stabile a negativo (sebbene vi sia la possiblità di un taglio di un gradino con outlook stabile)».

Fitch: possibile effetto-domino sulle banche
Proprio oggi Fitch, un’altra agenzia di rating, ha sottolineato in una nota come un suo ulteriore downgrade (da attendersi nel 2019) rischi di innescare un effetto-domino sul comparto bancario. L’abbassamento di un gradino può avere conseguenze sugli istituti come Bnl (BBB+), Credito Emiliano, Intesa Sanpaolo, Mediobanca e UniCredit (tutte BBB) e Unipol Banca (BB+).

Ma i problemi più gravi potrebbero colpire gli istituti più esposti ai Btp, a partire da Popolare Sondrio (rapporto del 360% fra titoli in portafoglio e capitale Cet1), Mps (250%) e Banco Desio (240%). I nostri istituti di credito, sempre secondo Fitch, rischiano soprattutto l'erosione di capitale dovuta al crollo dei prezzi dei titoli di Stato, un rialzo nei costi della raccolta e il quadro di instabilità macroeconomica che si annuncia sul medio periodo.

GUARDA IL VIDEO / Moody's declassa l'Italia, cosa può succedere sui mercati

Venerdì arriva il giudizio di S&P
Incassato il downgrade di Moody’s, l’Italia attende il giudizio di un’altra delle «big» del rating: Standard & Poor's. La comunicazione, attesa per venerdì, dovrebbe riservare un rating stabile ma un outlook in peggioramento. Anche in questo caso rischiano di incidere le scarse prospettive di crescita e l’innalzamento del livello di debito.

I RATING DEI PRINCIPALI PAESI
I RATING DEI PRINCIPALI PAESI
I RATING DEI PRINCIPALI PAESI

NDR: In una prima versione della tabella era stato erronamente attribuito all’Italia un rating Fitch di BB+. Il rating corretto, come riportato, è invece BBB.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...