ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùIl giudizio

Moody’s non cambia il rating sull’Italia: Baa3 con outlook stabile

Prosegue quella «linea della tranquillità» che due settimane fa aveva visto il giudizio lasciato invariato anche da Standard & Poor's

di Gianni Trovati

(Reuters)

1' di lettura

L'ombrello della Bce, l'occasione del Recovery Plan e la tutela del governo Draghi congelano il panorama del rating sul debito italiano. Ieri sera Moody's non ha modificato il giudizio Baa3 con outlook stabile che era già stato ribadito a novembre, proseguendo su quella linea della tranquillità che due settimane fa aveva visto il rating lasciato invariato da Standard & Poor's (BBB, outlook stabile).

Le prossime tappe

Gli esami di primavera sui titoli di Stato italiano conosceranno l'ultima tappa il 4 giugno, quando è fissato l'appuntamento con Fitch. L'agenzia francese era stata l'autrice dell'ultimo declassamento nell'aprile 2020, e ha poi confermato il BBB- con outlook stabile a dicembre.

Loading...
IL RATING DELL’ITALIA
Loading...

Del resto dopo la sorpresa primaverile di Fitch, quando il downgrade arrivò fuori sacco, nonostante l'impennata prodotta dalla crisi pandemica il debito italiano non ha più subito scossoni nel rating, e anzi a ottobre aveva visto S&P migliorare l'outlook da negativo a stabile.

I motivi della bonaccia

Le ragioni di tanta relativa serenità vanno cercate prima di tutto a Francoforte, ovviamente, ma l'azione comune europea che si è innervata con l'avvio della Recovery and Resilience Facility ha dato nuovi argomenti alla sostenibilità anche del maxidebito italiano. E, tutto sommato, ha reso più marginali i voti delle agenzie di rating che in questa fase non sembrano avere in mano le sorti dei titoli di Stato.


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti