fumetti

Morto Albert Uderzo, disegnatore «secondo padre» di Asterix

Aveva 92 anni. Partì come illustratore della serie che ha riscritto la storia di Roma e, dopo la morte di Goscinny, divenne anche le sceneggiature

default onloading pic
Morto Albert Uderzo, papà di Asterix in posa con Obelix, una delle sue creature più celebri (Epa)

Aveva 92 anni. Partì come illustratore della serie che ha riscritto la storia di Roma e, dopo la morte di Goscinny, divenne anche le sceneggiature


1' di lettura

È morto all’età di 92 anni Albert Uderzo, disegnatore del celebre fumetto Asterix. Raggiunge idealmente René Goscinny, l’umorista che insieme con lui aveva creato il popolarissimo personaggio ispirato ai Galli, scomparso nel 1977. Uderzo, di origini italiane, «è morto nel sonno nella sua casa di Neuilly, alle porte di Parigi, per una crisi cardiaca senza alcun legame con il coronavirus», ha fatto sapere la famiglia, aggiungendo che era in uno stato «di estremo affaticamento da diverse settimane».

Uderzo inizialmente si occupava soltanto delle illustrazioni del fumetto che ha riscritto la storia dell’imperialismo romano. Dopo la morte di Goscinny, cominciò a occuparsi anche delle sceneggiature della serie fino al suo ritiro nel 2009. Asterix, l’eroe baffuto che dal 1959 intrattiene i lettori con le sue imprese «supportate» dalla pozione magica, al fianco del pantagruelico Obelix, è diventato un pilastro dell’editoria, con oltre 370 milioni di albi venduti in tutto il mondo. A oggi, le creazioni di Goscinny e Uderzo appartengono al pantheon mondiale dei fumetti. Proprio come Asterix e Obelix, superate le loro improbabili 12 fatiche, venivano ammessi al pantheon greco-romano.

PER APPROFONDIRE:
Torna l’epica di Asterix e Obelix
Una mostra su Goscinny

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti