Fu Nobel con Mandela nel 1993

Morto de Klerk, ultimo presidente bianco del Sudafrica

Guidò il Sudafrica tra il settembre del 1989 e il maggio del 1994. Nel 1990 annunciò la liberazione di Nelson Mandela, con cui condivise il Nobel per la pace del 1993

De Klerk (a sinistra) con Nelson Mandela. (EPA/STR)

1' di lettura

È morto Frederik Willem de Klerk, ex presidente del Sudafrica e ultimo bianco a guidare il Paese. Aveva 85 anni. Un portavoce ha riferito che a de Klerk, che fu una figura chiave nel processo di transizione del Sudafrica verso la democrazia, era stato diagnosticato un tumore quest’anno. De Klerk guidò il Sudafrica tra il 1989 e il maggio del 1994. Nel 1990 annunciò la liberazione del leader anti-apartheid Nelson Mandela dopo 27 anni di prigionia, spianando così la strada alle prime elezioni multi-partitiche del 1994. Con Mandela condivise il premio Nobel per la pace nel 1993.

De Klerk era succeduto a Botha alla guida del National Party nel febbraio del 1989. Con l’approfondirsi dell’isolamento del Paese e il deterioramento della sua economia un tempo solida, de Klerk, eletto presidente appena cinque mesi prima, in un discorso al parlamento annunciò la revoca del bando all’African National Congress e ad altri gruppi politici anti-apartheid. Vari parlamentari lasciarono l’aula per protesta mentre parlava. Nove giorni dopo, Mandela era libero, e quattro anni dopo veniva eletto come primo presidente nero del Paese, quando la popolazione nera votò per la prima volta.

Loading...

Ai due politici il premio Nobel fu assegnato per la loro collaborazione tesa a rimuovere il razzismo istituzionale e promuovere la democrazia. Dopo le elezioni multipartitiche del 1994 e l’elezione alla Presidenza di Nelson Mandela, de Klerk ne divenne il vice fino al 1996. Si ritirò dalla politica attiva nel 1997.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti