Aveva 96 anni

Morto Emanuele Macaluso, dirigente del Pci e memoria storica della sinistra

Siciliano di Caltanissetta, nel 1951 divenne per la prima volta deputato del Pci, esponente della corrente «migliorista». Diresse l’Unità e il Riformista

default onloading pic
Morto a 96 anni Emanuele Macaluso (Ansa)

Siciliano di Caltanissetta, nel 1951 divenne per la prima volta deputato del Pci, esponente della corrente «migliorista». Diresse l’Unità e il Riformista


2' di lettura

È morto a 96 anni lo storico dirigente Pci Emanuele Macaluso. Nato a Caltanissetta il 21 marzo 1924, Macaluso si iscrisse al Partito Comunista d’talia prima della caduta del Regime fascista. Iniziò la sua carriera politica nel 1951 come deputato regionale siciliano del Pci. Membro della corrente riformista (o, come egli preferiva, «migliorista») del partito, di cui faceva parte anche Giorgio Napolitano, nel 1960 entrò nella Direzione del partito. Parlamentare nazionale per sette legislature (1963-1992), fu anche direttore de l’Unità dal 1982 al 1986 e ultimo direttore de Il Riformista dal 2011 al 2012. Quando il Pci si sciolse, aderì al Pds.

Minuto di silenzio in Senato. Il ricordo di Conte

L’Aula del Senato ha osservato un minuto di silenzio in memoria di Macaluso. Il momento di raccoglimento è stato seguito da un applauso unanime dell’Assemblea in piedi. A chiedere il tributo è stato chiesto dal capogruppo del Pd Andrea Marcucci. Anche premier Giuseppe Conte ha dedicato un pensiero all’esponente storico della sinistra italiana: «Mi associo, a nome del governo, a questo ricordo del senatore Macaluso. Io credo che anche chi non ha condiviso le idee politiche possa condividere che è stato un grande protagonista della vita politica e culturale italiana».

Loading...

I pensieri di Sassoli e Gentiloni

Anche la «delegazione» italiana nelle istituzioni Ue dedica un pensiero a Macaluso. A cominciare dal residente del Parlamento europeo David Sassoli che su Twitter scrive «Se non scrivo i miei pensieri mi sento morire, ripeteva. E così Emanuele Macaluso ha lavorato, riflettuto, fino alla fine dei suoi giorni. Diciamo addio a un pezzo importante di storia della sinistra italiana. Storia politica, culturale, ideale nel senso più nobile della parola». Gli fa eco il commissario europeo all’Economia Paolo Gentiloni: «Ho incontrato Macaluso solo negli ultimi anni della sua vita, apprezzando lo straordinario esempio di cultura, ironia, vis polemica. Un grande siciliano, una perdita per la sinistra italiana».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti