PROFESSORE alla SAPIENZA di roma

Morto il filosofo Tullio Gregory, aveva 90 anni

(Ansa)

2' di lettura

È morto sabato 2 marzo a Roma il filosofo e storico della filosofia Tullio Gregory. Aveva compiuto 90 anniil 28 gennaio. Lunedì la camera ardente nella sede dell'Enciclopedia Italiana Treccani.

Docente di storia della filosofia medievale e di storia della filosofia all’università La Sapienza di Roma, Gregory è stato attratto da sempre dai momenti storici in cui si sono verificate grandi svolte culturali che hanno portato a un cambiamento della vita degli uomini, delle società. Il professore collaborava con le pagine della Cultura del Sole 24 Ore.

Loading...

Grande accademico
Ha fatto parte di numerosi commissioni ministeriali legate a problemi universitari o di beni culturali, alla Treccani dal 1951, direttore del gruppo di ricerca CNR, e persino alla Rai, dove partecipò nel 1993 del Cda cosiddetto dei professori. Socio nazionale dal 1987 dell'Accademia dei Lincei, è stato directeur d'études all'ecole pratique des hautes études di Parigi (1975-77, 1985-86) e professore alla Sorbona (1986-87) che gli ha conferito la laurea honoris causa nel 1996. Ha ideato molte delle opere e linee di sviluppo dell'Istituto della Enciclopedia Italiana, dove ancora oggi curava un progetto sulle parole chiave del XXI secolo.

E’ stato anche difensore della tradizione e della grande cucina che ”è un fatto culturale” di cui ha scritto in più occasioni specie a ogni apertura del Festival della filosofia di Modena, di cui è stato uno dei fondatori e membro del comitato scientifico e per il quale ha curato i menù filosofici', convinto che ”ognuno deve impegnarsi a fare al meglio quel che fa, anche un piatto di spaghetti alla amatriciana'” .

Vasta la sua bibliografia i cui titoli vanno da ''Platonismo medievale.

Studi e ricerche del 1958 a ”Studio su Gassendi'” (1961), ”Etica e religione nella critica libertina'” (1986), ”Mundana sapientia. Forme di conoscenza nella cultura medievale” (1992), ”Origini della terminologia filosofica moderna. Linee di ricerca'” (2006), ”Principe di questo mondo. Il diavolo in Occidente”, ”Michel de Montaigne o della modernità” e l’ultimo “Translatio linguarum. Traduzioni e storia della cultura” (2016) .

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti