Calcio

Morto Gerd Müller, bomber della Germania campione del mondo del 1974

Aveva 75 anni. Stella del Bayern, fu decisivo all’Europeo ’72 e al Mondiale ’74 Detiene ancora il record di reti in Bundesliga

Addio a Gerd Muller leggenda del calcio tedesco

1' di lettura

È all’età di 75 anni, Gerd Müller, attaccante e simbolo del Bayern Monaco, che ne dà l’annuncio con un comunicato. Soprannominato «der bomber» per la sua familiarità con rete, Müller aveva segnato 68 gol in 62 partite con la nazionale tedesca, con cui aveva vinto gli Europei nel 1972 e i Mondiali nel 1974, segnando in entrambe le finali. Con il Bayern aveva realizzato 566 reti in 607 partite ufficiali. Nella sua nota il Bayern ricorda che, con la maglia del club in cui era arrivato nel 1964, aveva vinto «la Coppa Intercontinentale, tre Coppe dei Campioni e una Coppa delle Coppe, oltre a quattro titoli della Bundesliga e quattro coppe di Germania».

Poi aveva lavorato nelle giovanili del club e ora lascia la moglie Uschi e la figlia Nicole. «Oggi per noi è un giorno triste e oscuro», è il commento del presidente del Bayern, Herbert Hainer. «Gerd Müller è stato il più grande attaccante della nostra storia, e una bella persona. Il Bayern non sarebbe un club così amato se nella sua storia non ci fosse stato Gerd Müller. Il suo nome e la sua memoria vivranno per sempre». Müller, che detiene tuttora il record del maggior numero di gol segnati nella Bundesliga, con 365 realizzazioni, chiuse la carriera di calciatore nella Nasl nordamericana, nei Fort Lauderdale Strikers, e in passato, dopo la fine dell’attività agonistica, aveva sofferto di problemi di alcolismo e depressione. Da qualche anno era invece affetto da demenza senile.

Loading...
Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti