hi-tech

Mosaicoon, ex startup modello, chiude e lascia a casa 100 persone


default onloading pic

3' di lettura

Era una delle punte di diamente delle startup tech italiane, premiata nella Silicon Valley. Eppure non ce l’ha fatta e, a sorpresa, ha chiuso i battenti. Nata nel 2010 a Palermo da un'idea dall'allora 26enne Ugo Parodi Giusino, Mosaicoon è arrivata a fatturare negli anni di attività oltre 20 milioni di euro e contare 100 dipendenti nella sede inaugurata appena 3 anni fa di fronte al mare di Capaci. Creava e vendeva contenuti video digitali per campagne pubblicitarie potenzialmente virali.

In 10 anni ha raccolto oltre 12,2 milioni di finanziamenti in venture capital, il primo arrivato grazie al fondo HT per il Mezzogiorno, uno stimolo alle startup voluto dal governo italiano nel 2010, ma pare che questi soldi non siano bastati a reggere il confronto con i big player del settore: «Ci sono varie fasi nella vita di una startup», ha detto ad AGI Parodi Giusino, «noi abbiamo capito che non riuscivamo a diventare più grandi di così, a superare la soglia di una media impresa. Il nostro business non era più sostenibile. Chiudere è stata una scelta necessaria». Secondo fonti informate nella fase cruciale del salto di qualità sarebbero mancati i capitali per sostenere la crescita. Non si poteva rallentare la crescita evitando il peggio? «Scalare le marce era impossibile, in un settore come il nostro. Abbiamo preferito chiudere», conferma al Sole 24 Ore il fondatore, che, almeno ufficialmente, non vuole parlare di fallimento.

Si calcola che circa il 90% delle startup falliscano, e spesso la causa è la difficoltà di crescere e competere in un mercato dove ci sono grandi multinazionali a dettare i tempi di gioco. E questa causa sembra aver portato alla chiusura di Mosaicoon, di cui per ora non si sa altro se non quello che ha deciso di comunicare l'azienda: «Bisogna innovare, servono investimenti, dall'altra parte ci sono player enormi», continua Parodi Giusino, «noi abbiamo provato a giocare una partita difficile, fare innovazione in Sicilia e sono fiero di quello che abbiamo fatto. I miei dipendenti hanno capito che sarebbe stato difficile andare avanti. Noi abbiamo sicuramente fatto degli errori, e per una startup che vuole muoversi in questo mercato gli errori si pagano».

Parodi Giusino non scende in dettagli sugli errori commessi, ma il prezzo è stato alto. Quello che è mancato, spiega, «è sicuramente l'accesso a più capitali per crescere nel nostro settore, era quello che ci serviva per scalare ancora, ma non l'abbiamo trovato». Stando ai dati del fatturato, dopo il 2015, anno in cui arrivò a fatturare circa 3 milioni di euro, il business è calato. Colpa della concorrenza, dice l'azienda.

A casa per ora restano cento persone. Lavoravano in quella che fino allo scorso anno era considerata una delle startup più promettenti d'Europa, vincitrice di innumerevoli premi per imprese innovative, in Italia e in California, celebrata fino a pochi giorni fa come tra le 'scaleup', così vengono definite in Europa le startup più grandi in un report diffuso da Mind The Bridge, che lo scorso febbraio la inseriva tra le aziende “modello” delle scaleup italiane. Solo lo scorso anno il Financial Times la inseriva tra le 1000 aziende europee che crescevano di più e meglio. Mosaicoon negli anni ha creato sedi a Londra, Singapore, Nuova Delhi, Seoul, Milano e Roma.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti