ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùVENEZIA

Mose, la prova ha funzionato: le 20 paratoie si sono alzate

Le 20 paratoie - cassoni colossali di acciaio verniciato di giallo acido - si sono alzate dal fondo della bocca di porto e hanno sigillato del tutto il flusso di marea

di Jacopo Giliberto


Venezia, la cronaca dell’apertura del Mose: ecco il test per vedere se funziona

2' di lettura

Sono qui davanti al Mose e verifico di persona: funziona.
Questa mattina a Venezia alla bocca di porto di San Niccolò ho potuto accertarmi. Le 20 paratoie - cassoni colossali di acciaio verniciato di giallo acido - si sono alzate dal fondo della bocca di porto e hanno sigillato del tutto il flusso di marea. Poi sono state rimesse nei loro alloggiamenti sul fondo sott'acqua.

La ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, dal conclave del Pd in corso vicino a Rieti ha anticipato con entusiasmo che l'esito della prova consente di dire che dall'estate il Mose potrà essere usato per difendere Venezia dalle acque disastrose come quella di due mesi fa. Forse quello di De Micheli è un eccesso di entusiasmo perché in realtà il Mose non funziona ancora se non a titolo di prova parziale. Al funzionamento completo delle paratoie mobili per la difesa di Venezia servono ancora tempo e soldi, cioè serve ancora circa un anno di lavori e diverse centinaia di milioni di spesa.

I 17 di lavori non sono bastati e i 5 miliardi spesi finora non sono abbastanza? No. Se la parte infrastrutturtale pesante, calcestruzzo e acciaio, è finita e funzionante, sicuramente alla riuscita vera del Mose per dividere il mare dalla laguna quando la marea sarà troppo alta mancano alcune parti meno visibili ma non meno importanti: la sala comando e controllo, il software di gestione, la sensoristica, i cablaggi di fibra ma soprattutto mancano le norme e le regole per decidere chi, come e quando può far lavorare questa macchina colossale costata finora 5 miliardi sui 5,5 di costo finale.

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Jacopo Gilibertogiornalista

    Lingue parlate: italiano, inglese

    Argomenti: ambiente, energia, fonti rinnovabili, ecologia, energia eolica, storia, chimica, trasporti, inquinamento, cambiamenti climatici, imballaggi, riciclo, scienza, medicina, risparmio energetico, industria farmaceutica, alimentazione, sostenibilità, petrolio, venezia, gas

    Premi: premio enea energia e ambiente 1998, premio federchimica 1991 sezione quotidiani, premio assovetro 1993 sezione quotidiani, premio bolsena ambiente 1994, premio federchimica 1995 sezione quotidiani,

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...