Auto, moto e mobilità: novità e scenari

DUE RUOTE

Moto e scooter, il mercato premia la media cilindrata

di Gianluigi Gulotto


default onloading pic

3' di lettura

Dopo il tonfo di una decina di anni fa, il settore delle due ruote a motore sta crescendo a un ritmo consistente: nel primo quadrimestre 2019 le immatricolazioni (scooter e moto superiori a 50 cc) più le registrazioni di “”cinquantini” sono state 87.157, con un incremento a due cifre (+14,4%) rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso; le moto sono cresciute del 15,3 %, gli scooter del 15,5%, mentre abbassano la media i “cinquantini” con un +2,2%, rinvigoriti dai veicoli elettrici che, con l’avvio degli incentivi, hanno più che raddoppiato i volumi (871 pezzi).

Il trend si è invertito lo scorso maggio (immatricolazioni a -10,6%), ma va detto che il meteo avverso ha indotto molti a rimandare l’acquisto.

Guardando al mondo delle moto tra i segmenti più effervescenti in tema di novità troviamo quello delle tuttoterreno tra 700 e 1000 cc, che gli over 40enni chiamano “enduro”: moto comode per la schiena dei motociclisti entrati negli “anta”, ma sempre molto divertenti per chi ha un po’ di “manico”.

Ed è proprio l’arrivo della regina delle enduro, la Yamaha Ténéré 700, a segnare l’estate 2019 (le prime consegne sono però previste a estate inoltrata). La nuova Yamaha porta il nome della leggendaria XT 600Z Ténéré del 1983 che si è distinta nelle Parigi-Dakar degli anni Ottanta. La Ténéré del terzo millennio ne riprende le sembianze: sella alta e unica, sospensioni a lunga escursione, ruota anteriore da 21”, motore brioso da 74 cv regolati anche per l’uso in fuoristrada. Inoltre, è molto agile e leggera (204 kg col pieno), caratteristiche che promettono parecchio divertimento nel misto e su terra. È già dai concessionari invece la Moto Guzzi V85 TT che segna il ritorno della Casa dell’aquila al mondo adventure. La Moto Guzzi V85 TT sfoggia alcuni tocchi classici per la casa di Mandello come il parafango anteriore alto e il doppio proiettore anteriore, monta una ruota anteriore da 19”, sospensioni regolabili, un nuovo bicilindrico a V da 853 cc e 80 cv ed è molto leggera (208 kg a secco). L’elettronica di base prevede poi la selezione di mappature motore e il cruise control per affrontare con comodità i tratti autostradali.

Il motore rispecchia la tradizione Guzzi ed equipaggerà presto una nuova famiglia di “aquile” con impostazioni differenti tra loro. Enduro doc è poi la nuova Ktm 790 Adventure, presentata a Eicma 2018 e già disponibile dai concessionari, anche in versione più “cattiva” R. Entrambe le versioni hanno cerchi da 21” e 18”, e sono spinte dal bicilindrico parallelo LC8c da 799 cc da 95 cv. Notevole l’autonomia dichiarata: 450 km, grazie al serbatoio da 20 litri. E “Adventure” è anche la nuova sontuosa versione della “media” Bmw F850 Gs, vera e propria globetrotter con ampio parabrezza, serbatoio da 23 litri, protezioni del motore e sella alta; il suo bicilindrico parallelo di 853 cc eroga 95 cv più che sufficienti per spingere i suoi 244 kg in ordine di marcia. Per fronteggiare l’offensiva giapponese, tedesca e austriaca, Ducati ha messo in campo la versione S della sua Multistrada 950: l’aggiunta della lettera porta con sé sospensioni elettroniche, cambio elettronico Ducati Quick Shift up & down (DQS), proiettore full-led con le Cornering Lights, display Tft a colori da 5”, sistema Hands Free, cruise control e comandi al manubrio retroilluminati.

Anche tra gli scooter “medio è bello”: sono in arrivo molti modelli con motori di 300 cc. Per esempio, il nuovo Mp3 di Piaggio monta il monocilindrico di 300 Hpe (High performance engine), raffreddato a liquido, che ha accresciuto le prestazioni per una migliore guidabilità, riducendo inoltre i consumi. Le dimensioni compatte e la maneggevolezza si apprezzano nelle manovre da fermo, in parcheggio, e in movimento, quando è esaltata l’agilità. Abs e controllo di trazione sono di serie. Lo stesso motore equipaggia anche la Vespa Gts, l’erede del classico “Vespone”: è il più performante mai montato su una Vespa, capace di 23,8 cv di potenza e 26 Nm di coppia. La Vespa 300 è brillante e permette una guida rilassata ma sempre con lo spunto per allunghi e sorpassi, anche con passeggero a bordo. La cilindrata di 300 cc accomuna anche una delle novità Kymco in arrivo entro la fine del 2019: l’Agility +300 affiancherà le versioni di 125 e 150 cc e avrà ruote di dimensioni differenti, anteriori da 16” e posteriori da 14”, con un grande freno a disco all’anteriore e un motore a due valvole a 276 cc raffreddato a liquido. Nel sottosella entrano due caschi (uno integrale); ci saranno anche avviamento Keyless, parabrezza paramani, oltre al sistema Noodoe per connettere lo scooter al proprio smartphone e visualizzare le informazioni nel quadro strumenti.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti