Sport

MotoGP, Australia, Rossi:"Barcellona 2009 il duello più bello"

a cura di Datasport


2' di lettura

La lunga trasferta asiatica del Motomondiale, che prevede tre gare in altrettante settimane, fa tappa in Australia, per la diciassettesima prova del campionato. Come sempre il giovedì è sinonimo di conferenza stampa, ai microfoni Marquez, Rossi, Crutchlow, Rins, Miller e Bautista, occasionalmente con Ducati ufficiale per sostituire Jorge Lorenzo.   Comincia Marquez, fresco campione del mondo:"Sono molto felice per il titolo, ora sto meglio, ma non abbiamo festeggiato troppo, da lunedì siamo tornati a lavoro per concentrarci sul Gp d'Australia. Voglio rimanere concentrato, nel 2014 e nel 2016 dopo la vittoria a Motegi qui non sono andato bene, voglio mantenere un giusto approccio, anche per provare qualcosa in vista della prossima stagione. Con Honda a vita? Da quando sono arrivato abbiamo sempre dimostrato il nostro potenziale, quando le cose vanno bene è giusto proseguire sulla stessa strada. Qualcosa in cui non sono bravo? Sono tante! Ad esempio ping-pong, tutti i meccanici mi hanno battuto..."   Parla Rossi:"Questo circuito è uno tra i più belli, le condizioni meteo saranno importanti, serve un buon assetto per guidare bene e finire sul podio, anche se le cose cambiano di anno in anno lo scorso anno qui entrambe le Yamaha hanno chiuso sul podio, ma sarà importante gestire le gomme. Da mio padre Graziano ho preso la gioia, la voglia di dare il massimo, l'essere serio ma senza esagerare. Che battaglia racconterò ai miei nipoti? Ho avuto una carriera lunga, ne avrei tante da raccontare, ma se proprio dovessi scegliere penso direi Barcellona 2009 con Lorenzo, iniziammo a lottare sin dal venerdì mattina. Inizierei con: c'era una volta a Barcellona..."   Prosegue Crutchlow:"In Giappone abbiamo fatto un buon lavoro, replicare qua il successo del 2016 sarà difficile, ci saranno molti sorpassi, in teoria vedo dieci piloti in lizza per la vittoria. Per vincere io apro il gas al massimo, ma su questa pista serve molta tattica".   Tocca a Rins:"Negli ultimi Gp siamo andati bene, proveremo a fare del nostro meglio, le condizioni meteo saranno importanti, spesso qui c'è freddo e vento e dobbiamo rimanere concentrati. Ho parlato con il mio team della nostra moto per il 2019, avremo un nuovo motore ed un nuovo telaio, ma ci penseremo dopo Valencia."   Parola a Bautista:"Sono molto felice per il risultato in Giappone, questa opportunità con la Ducati ufficiale arriva nel miglior momento, mi sento forte, dovrò adattarmi subito alla GP18, anche se questa pista non è la migliore per la Ducati. Devo migliorare in qualifica, che forse è il nostro punto debole. Il prossimo anno in Superbike proverò a vincere il titolo, ma non ho ancora provato la moto, dunque è difficile dirlo adesso".   Arriva infine una scenetta originale, con una giornalista che chiede a Crutchlow di fare una domanda ai colleghi. Cal ci pensa un attimo e fa:"Ok, chiedo ai miei colleghi di dirmi la posizione esatta in cui finiranno la corsa domenica, se indovinano la MotoGP pagherà 10mila euro a pilota!" Così Miller dice di finire terzo, Marquez primo, Rossi secondo, Rins di lottare per la seconda piazza con Valentino, Bautista quarto, e lo stesso Crutchlow dice che lotterà per la vittoria con Marc. Chi avrà ragione?

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...