Motori24

Psa e GM cancellano l'utilitaria in comune ma l'alleanza si estende ai…

  • Abbonati
  • Accedi
INDUSTRIA

Psa e GM cancellano l'utilitaria in comune ma l'alleanza si estende ai crossover

Il Gruppo francese Psa (Peugeot-Citroen) è alle prese con uno dei passaggi più cruciali della sua lunga storia. Sono, infatti, in fase avanzata di discussione i nuovi sviluppi dell'alleanza strategica con General Motors. GM e Psa, infatti, estenderanno gli attuali accordi con lo sviluppo e la produzione congiunta delle piccole monovolume di segmento B, cioè le eredi di Meriva e C3 Picasso, ma anche dei futuri crossover del segmento C, cioè le sostitute di 3008, Antara e C4 Aircross e dei commerciali che in futuro dovrebbero rimpiazzare Berlingo, Partner e Combo. In tutti i casi, le piattaforme utilizzate saranno di origine francese e i modelli non arriveranno prima del 2016. E' stato, invece, deciso di abbandonare il progetto di uno sviluppo comune di una piattaforma del segmento B e del motore benzina di piccola cilindrata ad essa abbinato.

Attualmente le sinergie previste dall'alleanza PSA-GM sono stimate in circa 1,2 miliardi di dollari a partire dal 2018 suddivise fra i due Gruppi. Se la decisione di produrre la piccola monovolume nella fabbrica Opel di Saragozza era stata già, di fatto, presa, è di questi giorni l'annuncio relativo a quella dei crossover che saranno prodotti nell'impianto di Sochaux, storica sede di Peugeot. Importante sottolineare anche alcune novità nelle clausole dell'intesa: oltre ad aver deciso di semplificare la "governance" dell'alleanza, i due Gruppi hanno eliminato un comma che prevedeva la rescissione dell'accordo nel caso in cui non fosse stato realizzato un numero minimo di progetti comuni. Soprattutto ed è qui la novità di oggi, General Motors ha rinunciato al suo diritto di interrompere la collaborazione nell'eventualità dell'ingresso di un nuovo socio nel capitale di Psa. Spianando la strada nei fatti, al nuovo assetto societario su cui punta la proprietà francese. Quello che potrebbe aprirsi col tavolo di discussione avviato con il partner cinese di PSA, la Dong Feng Motor, per un suo possibile ingresso nel capitale. Le trattative sono ancora, tuttavia, ad uno stadio preliminare e, puntualizzano da Parigi, "…non esiste ancora alcun accordo" ad oggi. La notizia che era emersa sin da settmebre e all'epoca si parlava di un'acquisizione del 30%, sembrava potesse raffreddare i rapporti con GM, ma le notizie ufficializzate in questi giorni confermano che gli ostacoli sembrano superati. (C.Ca.)

© Riproduzione riservata