Motori24

Koenigsegg Regera: la megacar ibrida da 400 all'ora e 1.500 cavalli

  • Abbonati
  • Accedi
GINEVRA 2015

Koenigsegg Regera: la megacar ibrida da 400 all'ora e 1.500 cavalli

  • –di Massimo Mambretti

Arriva dalla Svezia e ha numeri da primato: 1.500 cavalli e 2.000 Nm di coppia. Sono il risultato di quanto esprime il sistema propulsivo ibrido plug-in della Koenigsegg Regera. È formato da un motore biturbo di 5 litri, che da solo sviluppa 1.100 cv e 1.250 di coppia, e da 3 unità elettriche che complessivamente forniscono 700 cv e altri 900 Nm di coppia.
Tocca i 400 chilometri orari e li raggiunge in soli 20”, mentre la'accelerazione sulla canonica base 0-100 che avviene in soli 2”8. A tutto ciò si può aggiungere ancora il fatto che l'unità termica ha una potenza specifica di 220 cv/litro!

Definita dal costruttore megacar, tanto per rammentare il fatto che la straordinaria cavalleria può essere equiparata a un 1,1 MW o se preferite megwatt, questa supersportiva non tradisce con lineamenti spettacolari e forzatamente estrosi il suo eccezionale potenziale. Se vogliamo, sorvolando sulle soluzioni come gli spoiler attivi che si posizionano in maniera ottimale in funzione della velocità piuttosto che la connettività estesa che consente anche di aprire e chiudere le porte dallo smartphone, da questo punto di vista la Regera è anche piuttosto conformista.

Tuttavia, anche per questo motivo, è paragonabile a Mr. Hyde e Dr. Jekyll perché sotto le vesti si cela un concentrato di tecnologia davvero fuori dall'ordinario. Infatti, a propiziare le performances e il dinamismo della Regera collaborano anche un peso di 1.420 kg che, grazie al posizionamento della batteria da 620 volt/9,27 Kwh che pesa 115 kg nel tunnel centrale, risulta anche ben “centrato” ai fini dell'handling e un di sistema di trasmissione sofisticato. Infatti, per evitare dispersioni di potenza, alla Koenigsseg hanno impiegato, al posto di un qualsiasi tipo di cambio, un sofisticato sistema elettronico che orchestra il funzionamento del sistema ibrido per indirizzare la giusta potenza richiesta dell'acceleratore al retrotreno.

Quest'ultimo integra due motori elettrici (che ovviamente sono gli unici in campo quando si utilizza la Regera in modalità Emissioni Zero) mentre l'altro è collegato direttamente all'albero motore del V8 e svolge tanti compiti: accensione, boost e rigeneratore dell'energia cinetica in frenata.

Speciale Salone di Ginevra 2015

© Riproduzione riservata