Motori24

Dossier Audi è il primo costruttore tedesco in Formula E

  • Abbonati
  • Accedi
Dossier | N. 37 articoliSpeciale Formula E: gare, macchine e tecnologia

Audi è il primo costruttore tedesco in Formula E

L'Audi sarà il primo costruttore tedesco a correre in Formula E. Il brand dei “quattro anelli” ha, infatti, confermato ufficialmente che affronterà la quarta stagione del campionato di Formula E con la nuova denominazione Audi Sport ABT Schaeffler. La partnership che lega l'Audi al team ABT Schaeffler risale all'inizio del campionato per monoposto “full electric”. Il costruttore tedesco, da parte sua, oltre a mettere a disposizione il suo pilota di punta per le attività motorsport e cioè Lucas di Grassi, offre la possibilità al team di utilizzare anche le infrastrutture del Competence Center Motorsport di Neuburg. Per la stagione 2016/2017, però, la collaborazione si è ancora più rafforzata grazie a un ulteriore supporto finanziario e tecnico. Il passo finale è stato quello di unire completamente le forze e dare vita al nuovo team Audi Sport in Formula E. Per Audi diventare il primo costruttore tedesco a essere coinvolto a tempo pieno in Formula E conferma il suo chiaro impegno nel settore della mobilità elettrica: in pista, innanzitutto, a partire da dicembre di quest'anno e nel 2018 anche su strada con l'arrivo del primo Suv Audi e-tron. In tema di bilanci nelle 29 gare sino ad oggi disputate, il team ABT Schaeffler ha ottenuto 23 podi e 5 vittorie. La presenza diretta di Audi, però, non rivoluzionerà lo staff tecnico che continuerà a essere coinvolto nel progetto. Come è noto per i costruttori le aree di intervento in Formula E sono limitate al motore elettrico, alla trasmissione e ai rispettivi componenti della sospensione, oltre che al software di gestione delle monoposto. All'Audi stanno già lavorando allo sviluppo del nuovo powertrain, come ha spiegato il nuovo numero uno di Audi Sport, Dieter Gass, oltre ad aver completato i primi test in pista. Del resto la competitività tra le Case costruttrici che partecipano alla Formula E è davvero altissima e soprattutto le fasi di sviluppo non possono che diventano cruciali per tutti i brand.

© Riproduzione riservata