Motori24

Fca Heritage, i motori all'italiana a Milano AutoClassica

  • Abbonati
  • Accedi
Epoca

Fca Heritage, i motori all'italiana a Milano AutoClassica

Lancia Delta HF Integrale Martini
Lancia Delta HF Integrale Martini

A Milano AutoClassica Fca partecipa con la divisione Heritage, sottolineando la cultura dell'automobile che contraddistingue il Gruppo, qui presente con i marchi Abarth Classiche, Alfa Romeo Classiche, Fiat Classiche, Lancia Classiche
Il fil rouge dello stand è il tema “Epic Journey”, una rievocazione dei viaggi avventurosi portati a termine in tutto il mondo dalle vetture storiche in mostra, partecipando a rally e raid. Le vetture esposte sono autentici capolavori “all'italiana”.

Dalla Fiat Campagnola “Alger - Le Cap” del 1951, il cui nome fu scelto con l'intento di promuovere un mezzo utile prettamente per l'impiego agricolo. Il veicolo era dotato di un telaio in acciaio a longheroni e traverse, ponte rigido su balestre al retrotreno e sospensioni indipendenti, innovative per all'allora, all'avantreno. Il motore (tipo 105) da 1901 cm 3 erogava 53 Cv a 3.700 giri/minuto, cambio a 4 rapporti con riduttore, trazione normalmente posteriore, con anteriore inseribile in aggiunta solo dopo l'innesto delle ridotte.

La Fiat Campagnola che conquistò l'Africa

Non può mancare la 131 Diesel Abarth “London - Sydney” del 1977, prodotta negli stabilimenti della Sofim di Foggia. È un quattro cilindri da 2,5 litri di cilindrata, capace di erogare 72 cavalli a 4.200 giri/minuto. L'ingombro maggiore richiese l'adozione di una gobba sul cofano motore, che diventò caratteristica di tutte le 131 Diesel.

Poi c'è la Fiat 500 “Overland” del 2007, disegnata da Roberto Giolito (ora a capo del dipartimento FCA Heritage). Un'auto che ha affrontato nell'estate del 2007 l'undicesima edizione di “Overland”, insieme ai famosi automezzi Iveco di colore arancione e alla mitica Itala che nel 1907 trionfò nello storico raid Pechino-Parigi. La piccola 500 dotata di motore MultiJet da 75 cavalli accoppiato al cambio a 5 rapporti, si è tinta dell'arancione Overland e non ha alcuna preparazione specifica.

La Fiat 500 Overland

E poi ci sono auto che rimaste nel cuore di tutti gli appassionati di motorsport, come la Lancia Delta, un autentico best seller del marchio torinese, prodotta dal 1979 al 1993, che ha scritto alcune fra le più importanti e gloriose pagine della storia dei rally, consentendo alla Lancia di vincere per ben sei volte consecutive, dal 1987 al 1992, il titolo costruttori nel campionato mondiale. In questa occasione è presente la Delta Integrale Gr. A “Safari” del 1988, della quale ne vennero prodotti solo 17 esemplari. La versione preparata per il Rally Safari aveva l'assetto rialzato, la scocca rinforzata e le vistose protezioni esterne. Anche il cambio aveva rapporti piuttosto lunghi per sviluppare tutta la velocità necessaria nei lunghi tratti rettilinei. Alla batteria di fari ausiliari di profondità ancorati tra il cofano e il bull-bar anteriore, erano stati aggiunti due proiettori posti sui parafanghi anteriori in prossimità del parabrezza.

Infine, a Milano AutoClassica è presente anche l'Alfa Romeo Giulietta t.i. del 1957, vettura che ha partecipato alla rievocazione della Pechino - Parigi nel 2007.

L'Alfa Romeo Giulietta t.i.

Accanto agli esemplari della collezione FCA Heritage, il pubblico potrà ammirare anche altri pezzi da collezione. La Fiat 500 serie speciale dedicata al 60esimo anniversario dell'iconica vettura, in cui convivono il look vintage e la più attuale tecnologia in termini di connettività, e un esemplare dell'Alfa Romeo Stelvio, il primo SUV del brand.

© Riproduzione riservata