Motori24

Non solo auto privata: cresce l’Italia della mobilità condivisa

  • Abbonati
  • Accedi
Mobilità e Tech

Non solo auto privata: cresce l’Italia della mobilità condivisa

(Fotogramma)
(Fotogramma)

Elevati costi di mantenimento e di gestione, benzina, traffico e problemi di parcheggio: l'auto privata non è più il sogno degli italiani e a dimostrarlo sono i 18,1 milioni di connazionali che negli ultimi anni hanno usufruito di almeno un servizio di mobilità condivisa, dal bike sharing al carpooling. Senza contare, come ricordato dal Secondo Rapporto Nazionale sulla sharing mobility realizzato dall'Osservatorio Sharing Mobility, che con il contributo della diffusione del carpooling e del car sharing il tasso di motorizzazione degli italiani tra i 18 e i 45 anni dal 53% del 2005 è sceso al 37% del 2016.

Numeri che mettono in evidenza il passaggio da una mobilità basata sull'uso dei veicoli di proprietà ad uno in cui si predilige l'accesso ai servizi di mobilità, dalla sharing mobility al trasporto pubblico rappresentato da bus, treni e pullman. Una scelta che conviene non soltanto dal punto di vista economico, ma anche ambientale, soprattutto in ambito urbano: secondo una simulazione dell'OCSE (International Transport Forum) realizzata sulla città di Lisbona se si usassero solo veicoli condivisi e trasporto pubblico in città si potrebbe realizzare lo stesso numero totale di spostamenti giornalieri, ma con una riduzione sino al 90% del numero di auto, con imponenti vantaggi per la qualità dell'aria e per le emissioni di CO2, ed un risparmio di spazio enorme.

In questo contesto, a semplificare la fruizione dei servizi di mobilità condivisa o pubblica a discapito di quella privata ci pensano anche le applicazioni per smartphone che aiutano gli utenti a trovare il servizio più adatto o conveniente in base alle proprie esigenze.

In particolare, grande successo nello Stivale riscontrano le piattaforme e le app dedicate al carpooling, che consente di condividere con altre persone gli spostamenti in auto per brevi, medie o lunghe distanze. Tra i servizi più gettonati c'è BlaBlaCar, che ha raggiunto nel 2017 2,5 milioni di iscritti in Italia, mentre il carpooling aziendale di Jojob lo scorso anno ha registrato un aumento del 199%.

Il carpooling risulta essere una delle opzioni più comode e vantaggiose per spostarsi anche secondo gli utenti di Virail, piattaforma e app che permette di mettere a confronto i prezzi, i percorsi e le soluzioni di trasporto, dalle quelle tradizionali a quelle in condivisione: gli italiani scelgono di lasciare l'auto a casa e di spostarsi in carpooling soprattutto in estate e tra le tratte più battute in carpooling - rivela Virail - ci sono Torino - Milano, Roma - Firenze e Napoli - Roma. Al sud, la più cercata è Catania - Palermo. Bologna e Bari emergono invece tra i luoghi di partenza più impostati, mentre Milano e Roma si confermano le mete più scelte.

© Riproduzione riservata