Motori24

Ducati prepara la moto con il radar. Arriverà nel 2020

  • Abbonati
  • Accedi
TECNOLOGIA

Ducati prepara la moto con il radar. Arriverà nel 2020

Ducati fa un balzo in avanti in tema di sicurezza su una moto portando per la prima volta su una due ruote i sistemi ARAS (Advanced Rider Assistance Systems) che comprendono sensori e radar. Nel 2020 la casa di Borgo Panigale metterà in vendita una moto dotata di radar anteriore e posteriore e di un'evoluta interfaccia utente che insieme si occuperanno di avvertire il pilota di eventuali pericoli. Il radar anteriore sarà in grado di gestire il cruise control adattivo che avrà il compito avvisare il motociclista del rischio d'impatto con il veicolo che lo precede.

La distanza minima tra moto e veicolo, per ottenere tale avviso, sarà impostata dal pilota. Il radar posteriore si occuperà di segnalare veicoli presenti negli angoli morti, ovvero quella parte di carreggiata che non è visibile tramite lo specchietto retrovisore. Il brevetto che comprende gli algoritmi di controllo è stato depositato nel 2017 grazie anche alla collaborazione con il Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria del Politecnico di Milano.

L'adozione di sistemi ARAS fa parte della linea strategica di Ducati chiamata “Safety Road Map 2025” che ha debuttato con l'introduzione del sistema ABS Conrnering Bosch su una Scrambler 1100. L'azienda vuole comunque estendere questo sistema di frenata attiva a tutta la gamma di moto in produzione.
Infine, sempre in tema di sicurezza, già nel 2014 Ducati, con il lancio della Multistrada 1200 D-Air, è stata la prima azienda motociclistica ad avere una moto in grado di “dialogare” con la giacca airbag Dainese D-Air.

© Riproduzione riservata