Motori24

Dossier La virata di Hyundai verso i radar intelligenti di Metawave

  • Abbonati
  • Accedi
    Dossier | N. 49 articoliSpeciale auto che guidano da sole

    La virata di Hyundai verso i radar intelligenti di Metawave

    Hyundai mira all'introduzione di radar intelligenti per le auto a guida autonoma/assistita stringendo un accordo con Matewave Corporation.
    Hyundai Cradle, società di investimenti e open innovation di Hyundai, ha annunciato l'investimento in Metawave Corporation con l'obiettivo di realizzare radar intelligenti per le auto a guida autonoma.

    Metawave sta rivoluzionando il rilevamento radar sfruttando intelligenza artificiale e metamateriali, cioè materiali che utilizzano strutture dalle proprietà elettromagnetiche uniche e che non è possibile trovare in natura.

    Con questa mossa, il colosso coreano sta valutando l'adozione di nuove tecnologie, come il sistema radar ad alte prestazioni di Metawave, per le future piattaforme di veicoli autonomi con il vantaggio di sfruttare la nuova generazione di radar in grado di utilizzare algoritmi per il rilevamento e la classificazione degli oggetti.

    Tecnologie attuali
    Oggi i componenti fondamentali dei sistemi di percezione dei veicoli autonomi sono rappresentati da tre sensori: videocamera, LiDAR e radar. Tra questi la videocamera è il sensore con la massima risoluzione, ma non è in grado di rilevare oggetti più lontani di 50 metri. Il LiDAR, invece, estende la portata a circa 150 metri, con una capacità di acquisizione di immagini lievemente inferiore, ma come per la videocamera il funzionamento è influenzato negativamente da condizioni meteo avverse e strade non pulite, cosa che spesso capita e limita l'utilizzo sulle auto in circolazione. Il radar, al contrario, opera a frequenze inferiori consentendo una maggiore velocità e portata in qualsiasi condizione ma ha un campo visivo limitato e la bassa risoluzione non gli permette di differenziare gli oggetti. Inoltre, per utilizzare i complessi segnali digitali, il sistema così composto necessita di numerose antenne e processori dal costo elevato.

    La piattaforma radar Metawave e gli sviluppi Hyundai
    La piattaforma radar avanzata di Metawave, utilizza invece una sola antenna e supera i confini del complesso spazio analogico fornendo risposte precise e ultrarapide. L'antenna stessa forma e indirizza un fascio in tutte le direzioni sfruttando algoritmi di intelligenza artificiale per riconoscere velocemente gli oggetti e inviare una mappa 4-D point cloud al sistema.

    Lo scorso gennaio Hyundai ha annunciato una partnership strategica con Aurora, società leader nello sviluppo della tecnologia self-driving, volta all'introduzione di nuove auto Hyundai a guida autonoma entro il 2021. La tecnologia di Aurora sarà introdotta su modelli Hyundai sviluppati ad hoc e verrà perfezionata attraverso programmi di test in città pilota. A febbraio, una flotta di veicoli Hyundai Nexo a guida autonoma ha completato un viaggio di 190 km da Seul a PyeongChang. Le auto elettriche a celle a combustibile erano dotate del livello 4 di guida autonoma definito dagli standard internazionali SAE (Society of Automotive Engineers) e dalla tecnologia di rete 5G, rappresentando perfettamente la visione di Hyundai per la mobilità del futuro: una mobilità connessa, libera e pulita.

    Queste vetture presentano una serie di tecnologie che hanno permesso di riconoscere i veicoli circostanti in maniera ancora più accurata migliorando le valutazioni in prossimità di incroci e bivi. Inoltre consentono di localizzare la posizione del veicolo in maniera esatta su una mappa utilizzando sensori esterni adatti alle situazioni in cui il segnale Gps viene interrotto, come ad esempio all'interno delle gallerie.

    © Riproduzione riservata