Motori24

Anche le moto guideranno da sole: il prototipo shock di Bmw

  • Abbonati
  • Accedi
INNOVAZIONE

Anche le moto guideranno da sole: il prototipo shock di Bmw

Bmw ha svelato la sua prima moto autonoma. Si tratta di un prototipo che funziona in una area di test ben delimitata e si muove quasi per magia senza pilota .È una R 1200 GS, sviluppata e modificata dall'ingegner Stefan Hans e dal suo team. Il veicolo parte in modo indipendente, accelera, gira nel tortuoso circuito di prova e rallenta in maniera indipendente fino a fermarsi.

Va detto che la casa tedesca, non intende una moto completamente indipendente. Piuttosto, la tecnologia di base servirà da piattaforma per lo sviluppo di futuri sistemi e funzioni che rendano le due ruote ancora più sicure e confortevoli, e che aumentino il piacere di guida. L'obiettivo per lo sviluppo di questo prototipo è quello di raccogliere ulteriori conoscenze sulle dinamiche di guida in moto al fine di rilevare immediatamente situazioni pericolose e quindi supportare il conducente con sistemi di sicurezza appropriati, ad esempio nella svolta ad un incrocio o durante una brusca frenata.

Oltre a questa nuova frontiera del piacere di guida e della sicurezza, BMW Motorrad ha presentato molti altri progetti tecnologici entusiasmanti. I fari, dalle luci che seguono la traiettoria del veicolo ai proiettori laser, sono stati tra i principali progetti presentati, insieme ad un telaio da moto interamente realizzato con un processo di stampa 3D, incluso il forcellone posteriore.

Come avvenuto per lo sviluppo della motocicletta autonoma, BMW Motorrad ha volta utilizzato le sinergie con il comparto automobili BMW, dove questo processo di produzione si è già fatto strada nella produzione in serie di vari veicoli. Il vantaggio della stampa 3D risiede nella completa libertà di progettare componenti che non potrebbero essere prodotti in altri modi.

Da ultimo, ma non per questo meno importante, BMW Motorrad ha sta studiando la rapida evoluzione dei sistemi digitali che cambierà il futuro del motociclismo. In primo luogo, la comunicazione V2V tra due veicoli, e i relativi benefici in termini di sicurezza e comfort per il motociclista dovuti alle interazioni digitali

© Riproduzione riservata