Motori24

Bmw K 1600 Gt, in prova la moto da gran turismo

  • Abbonati
  • Accedi
TEST RIDE

Bmw K 1600 Gt, in prova la moto da gran turismo

Rinnovata lo scorso anno, la Bmw K 1600 Gt (23.250 euro) continua a rappresentare l'offerta premium nel segmento delle moto turistiche della casa bavarese. A spingerla è sempre il potente sei cilindri in linea da 1.649 cc e 160 cv di potenza massima, ora omologato Euro 4, grazie ai nuovi catalizzatori e alla nuova mappatura.

Strizzando l'occhio agli automobilisti è stata aggiornata la strumentazione, davvero esaustiva, ed è stata ottimizzata la protezione contro il vento e le intemperie grazie a deflettori più grandi e alle componenti laterali della carena disegnate ex novo. Le sospensioni a regolazione elettronica sono ora di serie e alla lista degli optional si sono aggiunti il cambio elettroassistito Pro (optional), per salire e scendere di marcia senza usare la frizione, il sistema di chiamata d'emergenza e la retromarcia (optional quasi obbligatorio visto il peso della moto bavarese di 319 kg).

GRANDE COPPIA. Su strada il sei cilindri in linea è fluido e non mostra alcuna incertezza fin dai regimi più bassi, con una coppia poderosa (175 Nm a 5.250 giri/minuto, ma con la maggior parte disponibile già a 1.750 giri). Così è facile dimenticarsi del cambio e viaggiare tra le curve in terza sfruttando l'estrema elasticità del motore per raddrizzare la moto e uscire veloci dalle curve. Del resto la K 1600 Gt si rivela sorprendentemente veloce a scendere in piega ma soprattutto stabile in percorrenza di curva, ispirando una grande sensazione di sicurezza a pilota ed eventuale passeggero. Molto migliorato ci è parso il cambio: non ci sono più rumori nell'innesto delle marce mentre c'è grande fluidità nei passaggi. La ciclistica vede ora le sospensioni a regolazione elettronica Dynamic Esa di serie, con due settaggi (Road, con sospensioni più morbide, e Dynamic, per un utilizzo più sportivo) e tre opzioni (solo pilota singolo, pilota e valigie e pilota e passeggero).

VIAGGI COMODI. In sella il comfort è da prima classe, con una protezione totale offerta dal cupolino regolabile elettricamente anche ai piloti più alti. E quando fa caldo, due deflettori laterali convogliano l'aria sul pilota.

© Riproduzione riservata