Motori24

Bmw R 1250 Gs ed R 1250 Rt, come sono fatte e quanto costano

  • Abbonati
  • Accedi
moto

Bmw R 1250 Gs ed R 1250 Rt, come sono fatte e quanto costano

Bmw R1250Gs
Bmw R1250Gs

Saranno le regine del prossimo Intermot di Colonia (dal 3 al 7 ottobre) e dell'Eicma di Milano (8-11 novembre) le due “boxerone” della Casa tedesca, ora sempre più “one”. Per entrambe, infatti, la novità più interessante è proprio nel propulsore che cresce di cilindrata (da 1170 a 1254 cc) e, soprattutto, adotta la fasatura variabile delle valvole per ottenere più potenza (da 125 a 136 cv con una coppia che passa da 125 a 143 Nm), un'erogazione migliorata a tutti i regimi ed emissioni più pulite (entrambe le moto sono pronte per l'Euro 5 che arriverà nel 2020), con il prezzo di un aumento di peso di circa 5 kg per la Gs (249 in tutto) e di 3 kg per Rt (279 kg).

Gs sempre piu' moto totale. La primatista incontrastata delle vendite degli ultimi 10 anni vede il bicilindrico boxer raffreddato ad acqua adottare il sistema di fasatura variabile che lavora sulle valvole di aspirazione, modificandone i tempi di apertura a seconda del regime di rotazione: una soluzione inedita per le moto che consente di migliorare la combustione (e di conseguenza le prestazioni) ma anche di ridurre le emissioni. Resta invariata la ciclistica che conferma la sospensione anteriore Telelever e la posteriore Paralever e, tra gli optional, il sistema Dynamic Esa che regola in automatico la taratura a seconda dello stile di guida e il tipo di terreno su cui si viaggia. Bmw ha rivisto anche l'elettronica della Gs: sono ora di serie il controllo di trazione Asc e due riding mode (Road e Rain) cui si aggiunge il sistema Hill Start Control che facilita le partenze da fermo in salita. Resta invece optional il pacchetto Pro nel quale rientrano il controllo di trazione Dct e l'Abs Pro, entrambi in grado di modificare l'intervento quando la moto è inclinata, oltre ai riding modes “Dynamic Pro”, “Enduro” ed “Enduro Pro”. New entry è il sistema Dbc che evita le accelerate involontarie nelle frenate improvvise e attenua l'intrusione del freno motore nelle frenate più aggressive. Altre novità sono i fari full led, lo scarico, e il cruscotto digitale Tft a colori da 6,5 pollici.

Rt per viaggiare in poltrona. La R 1250 Rt guadagna un nuovo scarico, un inedito minispoiler davanti al motore e una strumentazione con cruscotto digitale a colori Tft da 5,7 pollici, dall'aspetto molto automobilistico. Come la Gs, la Rt arricchisce la sua dotazione elettronica: confermati controllo di trazione Asc e doppio riding mode (Road e Rain) già presenti sulla passata versione, arriva l'Abs Pro che “vede” la moto in curva e l'Hill Start Control. Tra gli optional abbiamo ora il Riding Mode Pro con controllo di trazione Dct che funziona in curva e il riding mode Dynamic, il sistema Dbc, e le sospensioni elettroniche intelligenti.

Prezzi importanti. Le due boxer tedesche arriveranno dai concessionari il prossimo 20 ottobre conservando il loro prezzo non per tutte le tasche. La R 1250 Gs sarà proposta a 17.850 euro (chiavi in mano), che lieviteranno quasi certamente con gli accessori. Alla versione base si affiancano altre due versioni: la Exclusive (18.300 euro) con motore e ciclistica neri, telaio Agate Grey, manubrio nero, pinze freno anodizzate oro, portapacchi e maniglie nere, e cerchi neri, e la sportiva HP (18.600 euro) che sfoggia molte “chicche” tra cui la sella Rallye, i cerchi a raggi incrociati oro, il telaio Light White e parabrezza sport. La R 1250 Rt, invece, ha un prezzo di listino di 19.450 euro, con una fila di optional da ingolosire chiunque.

© Riproduzione riservata