Motori24

Bosch: elettrificazione e guida autonoma alimentano la crescita del…

  • Abbonati
  • Accedi
Mercato e industria

Bosch: elettrificazione e guida autonoma alimentano la crescita del business dei semiconduttori

Oggi tutte le automobili utilizzano semiconduttori, non più una novità ma un dato di fatto. Tecnologia chiave del mondo moderno questi chip sono i componenti essenziali dei sistemi elettrici compresi quelli dei veicoli. Bosch è oggi tra i produttori leader mondiali dei chip per le applicazioni legate alla mobilità. Nel 2016 qualsiasi veicolo di nuova immatricolazione in ogni parte del mondo aveva in media oltre nove chip dell'azienda tedesca a bordo. «Sebbene i semiconduttori siano impiegati da moltissimo tempo non abbiamo ancora sfruttato appieno il loro potenziale.

Questi componenti sono fondamentali per la mobilità dei nostri tempi tanto che oggi è impossibile immaginare i veicoli senza di essi» ha dichiarato Jens Fabrowsky, membro dell'Executive Management della divisione Automotive Electronics di Bosch. Nel campo dei semiconduttori per le automobili, Bosch è la sola azienda che vanta uguale esperienza nel settore automotive e in quello dei semiconduttori.

E come conseguenza della sempre maggiore elettrificazione e automazione, nei prossimi anni Bosch si attende un ulteriore aumento della domanda di chip per i veicoli. Tanto da realizzare un investimento unico più grande nella storia dell'azienda: un miliardo di euro per la realizzazione della nuova fabbrica di semiconduttori “wafer” a Dresda, che inizierà a produrre componenti da 300 mm nel 2021. Rispetto ai wafer da 150 e 200 mm convenzionali, la tecnologia da 300 mm consente di realizzare migliori economie di scala. Il processo altamente automatizzato per la produzione di chip coinvolgerà fino a 700 collaboratori impegnati nella pianificazione, gestione e monitoraggio della produzione. Dopo Reutlingen, lo stabilimento di Dresda sarà la seconda fabbrica di wafer Bosch in Germania. Con esso l'azienda punta ad ampliare la propria capacità produttiva e quindi a migliorare ulteriormente la propria competitività sui mercati globali.

(Autolinknews)

© Riproduzione riservata