Motori24

Fiat Panda, zero stelle al crash test. Il nuovo Jeep Wrangler si ferma…

  • Abbonati
  • Accedi
sicurezza

Fiat Panda, zero stelle al crash test. Il nuovo Jeep Wrangler si ferma a 1

Il Gruppo FCA esce male dagli ultimi test Euro NCAP. La Fiat Panda, testata l'ultima volta nel 2011, esce con un preoccupante zero stelle dalle prove di impatto. Se la Panda può trovare qualche giustificazione nell'anzianità di progetto, il risultato di una sola stella ottenuta dalla nuova Jeep Wrangler è stato giudicato dall'ente autonomo deludente. Come da protocollo, l'assegnazione delle stelle è data dal risultato nei diversi urti e dalla presenza di sistemi Adas a bordo. Per Fiat non è la prima volta che un modello a listino non conquista nessuna stella. L'ultima generazione di Fiat Punto aveva ottenuto lo stesso risultato.

Zero stelle al Crash test: le motivazioni
Com'è possibile che una vettura commercializzata nel 2018 non conquisti neanche una stella ai crash test? Nel caso della Fiat Panda i motivi sono diversi e non solamente legati alla mancanza di Adas a bordo. Se infatti alla voce “assistenti alla sicurezza” la citycar italiana ha raggiunto il 7%, i risultati realmente preoccupanti arrivano in caso di impatto. La voce “occupanti adulti” arriva al 45% nell'urto frontale con la protezione torace che viene giudicata debole. Brutte notizie anche per gli occupanti bambini (16%) a causa di mancanze come i pretensionatori delle cinture e i limitatori di carico. Passando all'urto pedone si arriva al 47%.

Nuova Jeep Wrangler: una sola stella ai crash test
E' possibile che una vettura commercializzata nel 2018 si fermi ad una sola stessa nei crash test? Sì, come confermato dai risultati della nuova Jeep Wrangler.

Partendo dagli Adas il punteggio arriva al 32% (per fare dei paragoni la Citroen Berlingo arriva al 58% e l'Audi Q3 al 76%) con gli assistenti alla guida che si limitano al cruise control. I dati più preoccupanti sono alla voce “occupanti adulti” con la percentuale al 50% (il già citato Berlingo arriva al 91%) e danni strutturali importanti per la cellula e il vano piedi. Come dichiarato dal segretario generale di Euro NCAP Michiel van Ratingen “ è veramente deludente vedere una vettura nuova senza sistema di frenata automatica o assistente di corsia. È giunto il momento che FCA offra prodotti con un livello di sicurezza all'altezza dei concorrenti”.

Gli altri test
Cinque stelle per Audi Q3, Bmw X5, Hyundai Santa Fe, Jaguar I-Pace, Peugeot 508 e Volvo V60/S60. Qualche ombra per i modelli non dotati di sistemi di assistenza alla guida, (gli ADAS), ma, soprattutto, per quelli progettati, ormai, alcuni anni fa.

L'Audi Q3 ottiene il massimo punteggio complessivo, con ottime prestazioni per i sistemi di assistenza alla guida. La Bmw X5 raggiunge il risultato migliore in tutte le prove, anche se subisce lievi penalizzazioni nella protezione del torace e dei femori del conducente, così come al bacino del pedone. Il giudizio così severo per la Fiat Panda, (nessuna stella), scaturisce essenzialmente dall'assenza di sistemi di assistenza alla guida, (è presente soltanto il sistema di alert in caso di cinture non allacciate), alla quale si aggiungono risultati insoddisfacenti nella protezione del torace, del collo e della testa di adulti e bambini. La Hyundai Santa Fe supera brillantemente tutte le prove, con piccole criticità solo nel funzionamento dell'airbag laterale, nella protezione del collo al colpo di frusta e nella prova notturna del ciclista.

Anche la Jaguar I Pace si è comportata molto bene in tutti i test, gli unici appunti sono relativi alla sola sufficienza rilevata nella protezione del collo dei sedili posteriori e del torace del conducente. L'unica stella per la Jeep Wrangler è motivata essenzialmente per l'assenza dei sistemi di assistenza alla guida, ma anche dalle criticità riscontrate nella protezione del torace e del collo nell'urto frontale e nel montaggio dei sistemi di ritenuta per i bambini. Secondo posto, in questa tornata di prove, sia per la Peugeot 508 che per le Volvo V60/S60. Entrambe, infatti, ottengono il più alto punteggio nella protezione degli occupanti. Per la francese, solo alcuni rilievi a causa della marginale protezione del torace del conducente in caso di scontro frontale, e per la protezione del pedone in caso di urto con il parabrezza. Per la svedese criticità nella protezione delle gambe del conducente negli scontri frontali e del pedone per alcune aree del cofano e del parabrezza.

E veniamo alla Panda, un modello al quale soltanto sette anni fa era state attribuite quattro stelle. Da allora tutti i “plus” della city car Fiat si sono addirittura azzerati. Le ragioni sono da un lato che i test sono diventati sempre più severi, ma anche che i possibili aggiornamenti non hanno evidentemente funzionato. Di sicuro con delle piattaforma datate si corre il rischio di incappare in bocciature imbarazzanti. Ma anche vero che sottoporre a dei test così severi che normalmente sono riservati alle nuove auto in arrivo sul mercato anche ai modelli che da tanti anni sono sulla breccia, è discutibile.

Che la Panda non sia così sicura come la nuova Bmw X5, è fin troppo chiaro perchè, è sul mercato da tantissimo tempo, ma è comunque in grado di garantire un livello di sicurezza accettabile, anche senza tutti quei sistemi alla guida che tutti i nuovi modelli offrono. A decidere saranno gli acquirenti, non chi la sottopone a dei test pur sapendo già in partenza quale sarà il risultato: una bocciatura!

© Riproduzione riservata