Motori24

Mercedes GLB, svelato il suv della stella a tre punte: ecco come è…

  • Abbonati
  • Accedi
SPORT UTILITY

Mercedes GLB, svelato il suv della stella a tre punte: ecco come è fatto

La nuova e molto attesa Mercedes dopo la concept presentata al Salone di Shanghai di quest'anno è stata svelata nella versione definitiva in vista del lancio previsto per la fine di quest'anno. Come suggerisce la sigla, la vettura andrà ad inserirsi fra le attuali GLA e il GLC con dimensioni altrettanto compatte: la nuova GLB è, infatti, lunga 4 metri e 63 cm, soltanto 3 cm in meno rispetto alla GLC, ma ben 20 in più rispetto alla più piccola dei suv della Casa di Stoccarda, la GLA.

La nuova GLB fa il suo esordio in un segmento di mercato particolarmente affollato di concorrenti: dall'Audi Q3 alla Bmw X1 e poi ancora Jaguar E-Pace, Mazda CX-30, Volkswagen Tiguan, oltre a Jeep Renegade, Skoda Karoq ma anche Kia XCeed e Toyota RAV4.

Arriverà sul mercato italiano alla fine di quest'anno e sarà prodotta in Messico, nello stabilimento di Aguascalientes o a Pechino, per gli esemplari destinati al mercato cinese. Pur basandosi sulla stessa piattaforma dei derivati della “famiglia” della Classe A , la nuova GLB ha un passo più lungo di 10 cm rispetto alla Classe B, per un totale di 2.829 mm, per offrire molto più spazio per passeggeri e bagagli. Tanto che bordo potranno trovare posto fino a sette persone: infatti a richiesta si potranno ordinare due sedili aggiuntivi richiudibili nel vano bagagli che potranno ospitare persone alte fino a un metro e 68 cm.

Le versioni a cinque posti, invece, offriranno un bagagliaio da 560 litri ampliabile fino a 739 litri facendo scorrere in avanti fino a 140 mm il divano dietro e abbassando gli schienali che permetteranno di aumentare il volume di carico fino a 1.755 litri. Come le altre varianti della“famiglia” delle A, anche la GLB è disponibile con motori turbo a quattro cilindri con trazione anteriore o integrale e con due cambi automatici a doppia frizione. Il sette marce 7G-DCT sarà riservato alla GLB 200 dotata del 1.300 cc turbo benzina da 163 cv, mentre l'8G-DCT a otto rapporti è destinato a tutte le altre motorizzazioni, compresa il top di gamma fra i benzina la GLB 250 4Matic da 224 cv.

Le versioni turbodiesel prevedono un unico motore il 2.000 cc offerto in due livelli di potenza: i 150 cv della GLB 200 d, mentre la GLB 220 d 4Matic offrirà 190 cv. A richiesta, sulla GLB sarà disponibile anche il pacchetto Offroad che dispone del Downhill Speed Regulation per regolare la velocità in discesa e di una modalità di guida specifica per il fuoristrada che interviene sull'Abs e sulla potenza del motore per facilitare la guida in“off-road”. Per quanto riguarda l'infotainment sono presenti anche delle grafiche che mostrano l'angolo di inclinazione della vettura e della pendenza. Il sistema di trazione integrale permanente è regolabile in tre programmi: nella modalità Offroad la frizione elettromeccanica a dischi multipli ripartisce equamente la coppia tra i due assi variandola a seconda dell'aderenza, in Sport il 70% della coppia viene indirizzato all'asse anteriore, mentre in Eco/Comfort la ripartizione è di 80:20%.

Tra gli optional oltre alle sospensioni adattive, sono previsti i fari anteriori Led High Performance o Multibeam Led che dispongono di una funzione specifica per l'off-road che mantiene sempre attive fino ai 50 km7h le luci per individuare meglio gli ostacoli. Oltre a dotazioni tecnologiche come l'infotainment Mbux con doppio schermo e comandi vocali tipico di tutti i modelli compatti di Mercedes dalla Classe A in poi, la GLB ha ereditato dalle altre compatte del brand della Stella anche diversi sistemi d'assistenza alla guida. Il cruise control adattivo Distronic che può essere abbinato al mantenimento della traiettoria per seguire il flusso inn automatico.
A richiesta, inoltre, sarà disponibile l'Energizing Coach che suggerisce le regolazioni specifiche per aumentare il benessere a bordo, abbinando le funzioni di massaggio dei sedili e di regolazione del clima, dell'audio e dell'illuminazione interna per creare un ambiente interno che limiti al massimo lo stress, oltre ad essere collegato con la funzione wireless a tutti gli smartwatch compatibili.

© Riproduzione riservata

>