ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùRischio forte volatilità

Mps quasi azzerata in Borsa prima dell'aumento-Ipo. Da Consob ok con caveat

Le azioni della banca più antica del mondo hanno registrato un nuovo tracollo, trascorrendo gran parte della seduta senza riuscire a scambiare

di R.Fi.

Aggiornato il 14 ottobre 2022, ore 19:00

Ansa

2' di lettura

Assomiglia sempre di più a un'Ipo l'aumento di capitale di Mps, atteso per lunedì sul mercato. Le azioni della banca più antica del mondo hanno registrato un nuovo tracollo, trascorrendo gran parte della seduta senza riuscire a scambiare e chiudendo con un tonfo del 42% a 9,9 euro, dai 25,58 euro della chiusura del 12 ottobre. Polverizzato a 99 milioni di euro – meno dei 125 milioni di salatissime commissioni che pagherà alle banche del consorzio di garanzia – il valore del Monte. Esito quasi scontato vista la natura iperdiluitiva dell'operazione che partirà lunedì e riverserà sul mercato 374 azioni ogni 3 in circolazione, al prezzo di 2 euro l'una.

Alla riapertura di Borsa i titoli inizieranno a trattare ad un prezzo di 2,063 euro per effetto dello stacco di un diritto di opzione che vale 7,837 euro. La Consob, dopo aver autorizzato il prospetto, ha messo in guardia dal «rischio» di «una forte volatilità del prezzo delle azioni» che potrebbe portare a una «sopravvalutazione del prezzo di mercato» rispetto al «valore teorico».

Loading...

Per contenere queste anomalie è stato adottato il metodo del “rolling”, che consentirà gli arbitraggi volti a riallineare il prezzo delle azioni negoziate in Borsa a quello espresso attraverso i diritti. Dal prospetto informativo emergono intanto elementi e rischi dell'operazione, la cui riuscita è comunque blindata da un consorzio di otto banche e da Algebris, che garantiranno il potenziale inoptato (857 milioni di euro, al netto degli 1,6 miliardi che il Tesoro si è impegnato a iniettare e dei 37 milioni promessi da un pugno di investitori).

I garanti percepiranno 125 milioni di euro, una somma pari al 14,6% della parte dell'aumento coperta da garanzia, in parte da destinare ai subgaranti – tra cui Axa, Denis Dumont, alcuni fondi esposti sui subordinati – su cui hanno riversato circa 500 milioni di rischio sull'inoptato. La maxi-commissione avrà un impatto negativo di 15 punti base sui target di capitale messi a piano per il 2024 da Mps, che stima un Tier1 ratio al 14,2%, 150 punti base al di sotto dell'attuale media delle banche significative italiane e 70 punti sotto la media europea, rileva la Bce.

«Il persistere di tale gap, nel lungo periodo, potrebbe rappresentare un possibile ostacolo a future operazioni di fusione con un partner industriale», è l'ammonimento che la Vigilanza ha mosso a Mps nella bozza di decisione Srep riportata nel prospetto, sollevando dubbi sull'adeguata capitalizzazione della banca anche dopo l'aumento. «La capacità di Mps di generare redditività robusta e stabile – avverte la Vigilanza – sarà raggiunta solo se, dopo l'esecuzione dell'aumento di capitale, il management sarà capace di realizzare nei tempi dovuti tutti gli obiettivi del nuovo piano, dimostrando nel corso di un periodo di tempo sufficientemente esteso che le debolezze strutturali sono state superate definitivamente».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti