dismissioni

Mps, vicina la vendita di 90 immobili per 600 milioni

di Paola Dezza


default onloading pic
(IMAGOECONOMICA)

2' di lettura

Sarà il Cda previsto per la seconda metà di febbraio a dire l'ultima parola sulla vendita dei gioielli immobiliari di famiglia. Si profila ancora in leggera salita la vendita di un portafoglio corposo di 90 immobili, quasi tutti uffici e di varie dimensioni, del valore di 600 milioni di euro che Mps ha selezionato per il mercato. Advisor della vendita è Duff & Phelps Reag, che attende istruzioni definitive per procedere.

Tra gli immobili, tutti al momento utilizzati dalla banca stessa, alcuni asset di valore come la sede storica a Milano, in via Santa Margherita 11, a due passi dalla Scala, un immobile di pregio in via del corso a Roma, alcuni asset a Firenze, nei pressi di Santa Maria Maggiore e in Via dei Sassetti, e Siena. Nella città toscana del palio però, secondo indiscrezioni, si sarebbe scelto di procedere alla vendita di pochi asset al momento, dato che la situazione di mercato non è favorevole alle città secondarie. Si tratta di un portafoglio concentrato nel centro-nord del Paese.

Ancora de definire il perimetro finale del portafoglio e se la vendita riguarderà l'intero per pacchetto, un'opzione più interessante per i grandi investitori internazionali dal profilo value added (soggetti che puntano ad acquisire immobili da riqualificare e valorizzare) che nel nostro Paese cercano pacchetti di ampie dimensioni, oppure i singoli asset. Molti degli asset sono proprio da rivedere e ripensare.

La vendita fa parte dell'accordo di salvataggio che Mps ha sottoscritto anche con la Banca centrale europea. La banca toscana guidata da Marco Morelli si è impegnata, infatti, a vendere entro il 2021 un pacchetto di 500 milioni di euro.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...