Crociere

Msc: «Protocolli di sicurezza, pronti a partire con due navi»

Un protocollo sanitario stringente e severo per poter ripartire in sicurezza. Msc Crociere scalda i motori di due navi, la Magnifica e la Grandiosa, pronte a offrire crociere nel Mediterraneo con tappa in Grecia e a Malta

di Nino Amadore

Allarme turismo straniero in Italia, citta' d'arte vuote

Un protocollo sanitario stringente e severo per poter ripartire in sicurezza. Msc Crociere scalda i motori di due navi, la Magnifica e la Grandiosa, pronte a offrire crociere nel Mediterraneo con tappa in Grecia e a Malta


3' di lettura

Un protocollo sanitario stringente e severo per poter ripartire in sicurezza. Msc Crociere scalda i motori di due navi, la Magnifica e la Grandiosa, pronte a offrire crociere nel Mediterraneo con tappa in Grecia e a Malta. Per far salpare le due navi manca il via libera «delle autorità competenti» si legge in una nota della società ma Gianni Onorato, Ceo di Msc, è netto: «Noi siamo pronti, in questi mesi abbiamo lavorato sodo per garantire una vacanza in sicurezza. Ovviamente non dipende solo da noi, ma dalle decisioni del governo italiano, del ministero delle Infrastrutture dei Trasporti, del ministro della Salute e dalla presidenza del Consiglio». 

In teoria le navi potrebbero salpare subito dopo Ferragosto ma serve il via libera del governo e ancora non si hanno notizie certe di un eventuale provvedimento. Msc intanto si è portata avanti con il lavoro: «Abbiamo lavorato a stretto contatto con le autorità dei Paesi in cui le navi faranno scalo - ha spiegato Onorato - per arrivare a un protocollo completo che offrisse il massimo livello di sicurezza possibile. Una task force dedicata, con il contributo e il supporto dei principali consulenti medici internazionali, ha sviluppato e predisposto un protocollo con nuove procedure operative specifiche per Msc Crociere che si spingono oltre le attuali linee guida nazionali e internazionali fissando un nuovo standard nel settore».

Un protocollo, già validato dal Rina, che prevede misure rafforzate tra cui il tampone Covid-19 a immunofluorescenza per tutti gli ospiti e per l’equipaggio prima di ogni partenza; escursioni “protette” organizzate esclusivamente dalla Compagnia per i suoi ospiti; maggior distanziamento fisico a bordo grazie anche ad un minor numero di passeggeri (capienza nave ridotta al 70%); nuove modalità di accesso ai ristoranti e di fruizione del buffet; servizio sanitario di bordo ulteriormente potenziato.

Tra le misure anche sistemi di tracciamento degli ospiti («In pieno rispetto delle norme sulla privacy» spiega Onorato) e un’assicurazione creata in collaborazione con Europ Assistance a copertura di eventuali costi causati da Covid-19 ai passeggeri e ai familiari (senza costi aggiuntivi per i passeggeri). «In questa prima fase, in particolare, le navi Msc sono aperte ai soli cittadini dell’area Schengen - spiega Leonardo Massa, managing director Italia di Msc Crociere- ma ci aspettiamo che partecipino molti italiani. Anche perché i sei porti di imbarco italiani facilitano l’accesso al nostro prodotto in maniera straordinaria agli italiani». Va da sé che per un gruppo come Msc Crociere che dà, in tempi normali, lavoro diretto a 2.600 persone in Italia con una quota di mercato del 30% e un impatto economico di 2,9 miliardi, ripartire è un passaggio cruciale. Ne sanno qualcosa le città toccate dalle crociere: da Genova a Palermo. «Noi non abbiamo dismesso navi, abbiamo lavorato per ripartire in sicurezza e abbiamo confermato tutti gli investimenti programmati - dice Onorato - . Abbiamo anche avviato un dialogo con altri Paesi del Mediterraneo per arrivare ad allargare le destinazioni.  Siamo pronti aspettiamo solo la luce verde per prendere il largo». Tra gli investimenti confermati le due nuove navi che saranno operative nel 2021: la Msc Virtuosa e la Msc SeaShore.

Anche Costa crociere ha annunciato l’adozione del “Costa safety protocol” a bordo delle navi della flotta, stilato con l’aiuto di esperti indipendenti. La prima misura riguarda l’equipaggio: a ciascun dipendente verrà fatto uno screening già nel Paese di origine, con due test con tampone Covid-19. Per quanto riguarda gli ospiti potranno effettuare check in e autocertificazione online 72 ore prima dell’imbarco che avverrà con orari scaglionati e previa misurazione della temperatura. A bordo è prevista la riduzione del numero di passeggeri in modo da rispettare i distanziamenti ed evitare assembramenti.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti