Crociere

Msc raggiunge un milione di passeggeri in Italia nell’estate post Covid

La compagnia prevede un ritorno alla normalità, in termini di volumi, già per la stagione estiva 2022 ma per recuperare redditività dovrà aspettare il 2023

di Raoul de Forcade

2' di lettura

Nell'estate del 2021, a dispetto della pandemia ancora in corso, Msc Crociere ha movimentato un milione di passeggeri in Italia, con 8 navi compiendo 400 scali in 14 porti. La compagnia che fa capo alla famiglia Aponte ha scelto Genova per presentare, a bordo di Msc Virtuosa, varata lo scorso marzo e per la prima volta in Italia, ormeggiata alle banchine del porto della Lanterna, il bilancio di una stagione ancora alle prese con il Covid ma in netta ripresa.

«Eravamo qui il 16 agosto del 2020, un po’ temerari, a far ripartire l’industria crocieristica con Msc Grandiosa - ha ricordato Leonardo Massa, managing director della compagnia - grazie ad un protocollo anticovid, messo a punto da noi per primi, che si è dimostrato una best practice a livello mondiale e che ci ha permesso, fino ad oggi, di mettere in mare 11 navi su una flotta di 19».

Loading...

Recupero della redditività nel 2023

Se il numero degli ospiti trasportati, nell’appena conclusa stagione estiva, è arrivato a un milione, il ritorno alla normalità, in termini di volumi, è previsto già per l’estate 2022, con tutte le 19 navi operative.

«Per recuperare la redditività, con il costo medio delle crociere che è sceso - ha detto Massa - credo invece che dovremo aspettare il 2023, in una situazione in continua e costante evoluzione, perché nessuno di noi oggi sa con certezza quando si potrà andare in Sudafrica, Sudamerica o in Cina o in Giappone».

Le navi toccano 21 nazioni

In questo momento, ha chiarito il manager, Msc ha in navigazione navi in 21 nazioni, oltre che nel Mediterraneo in Nord Europa, ai Caraibi, in Mar Rosso e Arabia Saudita. «Nella sola giornata di oggi - ha aggiunto - a bordo della nostra flotta nel mondo ci sono 30mila ospiti e le navi viaggiano con un riempimento del 70%, il massimo consentito per garantire la sicurezza dalle norme anti-Covid».

Nonostante la pandemia i piani della compagnia «hanno subito rallentamenti ma nessuna frenata», ha affermato Massa. «Quest’anno sono entrate in flotta due nuove ammiraglie: Msc Virtuosa, lo scorso febbraio, e Seashore, consegnata alla fine di luglio».

Un nuovo brand di lusso

Il gruppo, ha proseguito, «inoltre ha avviato la costruzione di Msc Euribia, seconda nave della flotta alimentata a Gnl, ha celebrato la posa della chiglia di Msc Seascape e presentato il nuovo brand di lusso della divisione crociere, che si chiamerà Explora Journeys, avviando anche, a luglio, la costruzione della prima nave: la Explora I, che entrerà in servizio nel 2023».

Massa ha infine spiegato che Msc Crociere «progetterà e costruirà la prima nave a idrogeno al mondo, in partnership con Fincantieri e Snam» e ha avviato la progettazione di nuovi terminal crociere a Miami, Barcellona e Ancona «senza mai smettere, nonostante la pandemia, di costruire il futuro con investimenti adeguati e di lungo termine».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti