Cagliari/LAboratorio di ceramica

Mug, uno spazio in condivisione

di Davide Madeddu

default onloading pic
Mug laboratorio di ceramica,Cinzia Cabras e i due soci Luca Boscato e Luigi Cogoni


1' di lettura

Non un semplice laboratorio di ceramiche ma uno spazio di condivisione. Dove la tradizione sarda riesce a sposarsi con l'innovazione e anche la partecipazione. Perché è questa la filosofia che anima lo spazio creativo “ad uso collettivo” che la Mug, azienda composta da tre giovani sardi, ha messo in piedi a Cagliari e inserita nell'ambito del programma Resto al Sud. «Il nostro è un laboratorio di ceramica partecipato - premette Cinzia Cabras, architetta e legale rappresentante della Srls - dove il cliente ha la possibilità di avere un laboratorio attrezzato per realizzare i suoi prodotti, sia partendo dalla manipolazione dell’argilla per poi arrivare al prodotto finito». Un’idea innovativa «così concepita non l’abbiamo trovata da nessuna parte» come rimarca la giovane imprenditrice che con i colleghi Luca Boscato (laureando in ingegneria edile e architettura) e Luigi Cogoni (laurea in Scienze economico giuridiche) . «Quando abbiamo iniziato eravamo precari - dice l’imprenditrice che con i colleghi ha condiviso esperienze tra Berlino e Nuova Zelanda -. Il bando ci ha permesso di ottenere un accesso al credito». Un investimento di 89 mila euro «meno di quello che avremmo potuto chiedere» ma necessario per avviare l’attività che ora punta a crescere.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti