Il quadro sanzionatorio

Multa da 100 euro per gli over 50 no vax

Accedere senza certificato verde dove è obbligatorio costa da 400 a 1.000 euro

di Eugenio Bruno e Valentina Melis

Il super green pass viola libertà tutelate dalla costituzione?

2' di lettura

Alla nuova stretta del governo incentrata su green pass (base o rafforzato) e obbligo vaccinale si accompagna anche un quadro sanzionatorio aggiornato. 

Sanzione di 100 euro

Nuova di zecca, ad esempio, è la sanzione di 100 euro una tantum prevista nel decreto approvato dal Consiglio dei ministri il 5 gennaio scorso per tutti gli over 50 (lavoratori e non) che, a partire dal 1° febbraio 2022, non saranno in regola con l’obbligo vaccinale. Insieme alla precisazione che a sanzionare i “no vax” sarà l’agenzia delle Entrate, attraverso l’incrocio dei dati della popolazione residente con quelli risultanti nelle anagrafi vaccinali, su scala regionale o provinciale.

Loading...
COME PROTEGGERSI
Loading...

Sanzione da 600 a 1.500 euro

Per i lavoratori pubblici e privati e per i i liberi professionisti soggetti all’obbligo di vaccino anti-Covid o soggetti all’obbligo di green pass base, che accedano ai luoghi di lavoro senza la certificazione richiesta, è già prevista la sanzione economica da 600 a 1.500 euro. Raddoppiata, come precisato da Palazzo Chigi nei giorni scorsi, se l’inadempimento viene reiterato. La stessa sanzione si applicherà ai lavoratori over 50 tenuti a esibire dal 15 febbraio prossimo il green pass rafforzato, se andranno a lavorare pur non avendo adempiuto all’obbligo di vaccinazione. E come già avviene per i lavoratori privi di green pass, anche gli addetti ultra-cinquantenni che dal 15 febbraio saranno sprovvisti del green pass rafforzato per accedere al luogo di lavoro, saranno considerati assenti ingiustificati, senza conseguenze disciplinari e con diritto alla conservazione del rapporto di lavoro ma senza diritto alla retribuzione né ad altro compenso o emolumento.

Per la sanità, che ha fatto da apripista sull’obbligo vaccinale, e per la scuola, che si è aggiunta a partire dal 15 dicembre 2021, il mancato possesso per quattro giorni (anche non consecutivi) del super green pass attestante l’obbligo adempiuto, fa scattare, a partire dal quinto giorno, la sospensione dal servizio e dallo stipendio. Nel caso dei docenti e del personale scolastico, contestualmente, scatta per i dirigenti il diritto di nominare un supplente che resterà in servizio fino all’eventuale rientro del diretto interessato, che si sia messo in regola con le prescrizioni previste dalla normativa.

Sanzione da 400 a 1.000 euro

Il mancato possesso della certificazione verde produce una conseguenza amministrativa anche per i comuni cittadini. Per le persone che accedono senza certificazione verde (sia base che rafforzata) ai servizi e alle attività in cui è obbligatorio averla, è prevista una sanzione da 400 a 1.000 euro. La stessa sanzione si applica al soggetto tenuto a controllare il possesso del green pass, se omette di effettuare il controllo. Se vengono riscontrate due violazioni in due distinti giorni, a partire dalla terza, il titolare dell’attività può vedersi disposta la chiusura da un minimo di uno a un massimo di 10 giorni.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti