«lo dobbiamo a liliana segre»

Museo dell'Ebraismo, Franceschini ripristina fondi per 25 mln

La decisione del ministero arriva a pochi giorni dal via libera del Senato all'isitituzione di una commissione parlamentare contro odio, razzismo e antisemitismo su proposta dalla senatrice a vita. All'esito delle votazioni ci sono stati 151 i voti a favore, nessun contrario e ben 98 le astensioni, tutte di Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia


default onloading pic
(ANSA)

2' di lettura

Già cancellati dal governo Conte 1, tornano in pista i fondi del Mibact per il Museo dell'ebraismo di Ferrara. A annunciare il ripristino della dotazione di 25 milioni di euro è il ministro dem per i Beni culturali, Dario Franceschini: «Lo dobbiamo a Liliana Segre a lei personalmente e a quello che rappresenta. La conoscenza è il migliore antidoto contro odio e intolleranza». Come noto, dal 6 novembre il prefetto di Milano ha assegnato alla senatrice a vita, ex deportata ad Auschwitz, una scorta in seguito alle minacce antisemite ricebute via web e rilanciate da uno striscione ostile di Forza Nuova mostrato nel corso di un incontro pubblico a Milano.

L'incontro Segre-Salvini
Il rifinanziamento del Meis arriva a poche ore dall'incontro a sorpresa a Milano (avvalorato da diverse fonti ma non confermato dal leader della Lega) tra Matteo Salvini e la memoria storica della Shoah. Il faccia a faccia, nel massimo riserbo, segue alle polemiche scatenate dall'assegnazione della scorta alla senatrice Segre per le minacce subite. Una cosa «gravissima», il commento a caldo di Salvini, come quelle, aveva poi aggiunto, contro «chiunque»: «Anche io ne ricevo quotidianamente».

Commissione antirazzismo senza i voti del centrodestra
Un commento che a sua volta aveva scatenato altre polemiche, in particolare con alcuni parlamentari dem. Sullo sfondo, il via libera del Senato, il 30 ottobre, all'isitituzione di una commissione parlamentare contro odio, razzismo e antisemitismo su proposta dalla senatrice a vita. All'esito delle votazioni ci sono stati 151 i voti a favore, nessun contrario e ben 98 le astensioni, tutte di Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia.

Al Senato nasce una commissione contro l'odio voluta da Liliana Segre

Fondi rimodulati
Il Museo nazionale dell'Ebraismo italiano e della Shoah (Meis), ricorda Franceschini, «è stato istituito con una legge dal Parlamento nel 2003. Durante lo scorso governo era saltato il finanziamento di 25 mln di euro necessario per il completamento del Museo. Ma un'idea così importante non si può lasciare a metà ecco perché attraverso una rimodulazione dei fondi per lo Sviluppo e la Coesione del ministero, abbiamo recuperato il finanziamento che era stato cancellato».

Un polo per far conoscere l'ebraismo italiano
La legge 91/2003 (di cui lo stesso Franceschini è stato primo firmatario) prevede la realizzazione a Ferrara di un polo culturale per testimoniare le vicende che caratterizzano la bimillenaria esperienza ebraica in Italia e far conoscere la vita, il pensiero e la cultura dell'ebraismo italiano dalle sue origini al presente, includendo, con un'attenzione speciale, il periodo delle persecuzioni e della Shoah nell'esperienza specifica degli Ebrei italiani.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...