ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùdati fimi gfk

Musica, classifiche sempre più local: 2019 dominato da Ultimo e Fred De Palma

Nove album e otto singoli tra i più venduti portano la firma di artisti tricolori, resiste il Latin pop. L’onda dello streaming non si ferma più

di Francesco Prisco


default onloading pic
Ultimo, suo l’album più venduto del 2019 secondo i dati Fimi GfK

2' di lettura

Bentornati nel più local tra i mercati discografici europei. Anche nel 2019 il pubblico tricolore premia infatti produzioni autoctone: l’album più venduto è Colpa delle favole di Ultimo (Honiro/Believe), secondo classificato all’ultimo festival di Sanremo con il brano I tuoi particolari, mentre in cima ai singoli svetta Fred De Palma in tandem con Ana Mena per il tormentone Una volta ancora (Warner Music). Questo il verdetto a consuntivo dell’anno delle classifiche Top of the Music di Fimi GfK.

Album, Italia al centro
Come da tradizione, la classifica degli album è la più italocentrica: nove posizioni delle prime dieci vedono piazzati artisti italiani. Sul secondo gradino del podio c’è Salmo con Playlist Live (Epic/Sony), poi la sua crew Machete con Machete Mixtape 4 (Epic/Sony) e ancora Ultimo con il precedente Peter Pan (Honiro/Believe). Marracash quinto con Persona (Island/Universal), poi un «grande vecchio»: Ligabue con Start (Zoo Aperto/Warner Music) è sesto davanti a Paranoia Airlines di Fedez (Epic/Sony) e al live Atlantico on Tour di Marco Mengoni (Rca/Sony), Accetto Miracoli di Tiziano Ferro (Virgin/Universal) si ferma in nona piazza, mentre per trovare la prima produzione internazionale dobbiamo scendere in decima posizione. E c’è ancora Bohemian Rhapsody (Virgin/Universal) dei Queen, colonna sonora del biopic dedicato a Freddie Mercury.

Singoli, lampi di latin
Tra i singoli la leadership italiana è appena un po’ più sfumata. Sul podio, accanto a Fred De Palma, troviamo È sempre bello di Coez (Carosello/The Orchard) e il portoricano Pedro Capò con Calma (Remix) per Sony. Mahmood, vincitore di Sanremo con Soldi (Island/Universal) è quarto davanti a Charlie Charles con Calipso (Island/Universal). Poi Benji e Fede (Dove e quando), Daddy Yankee con Snow (Con Calma), Boomdabash (Per un milione), Takagi e Ketra con Giusy Ferreri (Jambo) e Ultimo con I tuoi particolari.

Nulla muta in area Vinili – al primo posto è riconfermato l’iconico longseller The dark side of the moon dei Pink Floyd – né tra le Compilation, anche quest’anno guidate dal Festival di Sanremo. Lo streaming domina incontrastato i consumi italiani con oltre 37,5 miliardi di stream – sia premium che free – e una crescita del 48% rispetto a un anno fa. Per Enzo Mazza, ceo di Fimi, «si conferma l’incredibile forza del repertorio italiano che oltre agli album ora domina anche nei singoli. Da notare anche l’affermazione di pop e latin non così scontata nell’era del rap. Un segnale di vivacità del mercato e del successo di generi diversi in un contesto molto particolare - conclude il numero uno di Fimi - dominato dallo streaming».

PER APPROFONDIRE:
Gli effetti di Spotify sulla musica: così la app «decide» quello che ascoltiamo
Moore, ceo di Ifpi: «La musica del 2030? K-pop e intelligenza artificiale»

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Francesco PriscoRedattore

    Luogo: Milano

    Lingue parlate: italiano, inglese

    Argomenti: economia della cultura e dell'entertainment, musica, libri, cinema, cultura, società

    Premi: Premio Giornalistico State Street 2018 - Categoria: Innovation

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...