Wall Street

Musk chiude le vendite, Tesla torna nel club dei mille miliardi

Il fondatore ha terminato la missione di cedere il 10% della sua quota

di Redazione Finanza

Elon Musk è la persona dell'anno 2021 per la rivista Time

I punti chiave

  • Il ritorno nel clud dei mille miliardi
  • La battaglia reputazionale
  • Nuova inchiesta sull’entertainment

2' di lettura

Musk porta a termine la missione di vendere il 10% circa della sua quota di Tesla e riaccende l’entusiasmo sul titolo che torna a cavallo della soglia del trilione di dollari.

Vendendo altre 583.611 azioni Tesla, Musk ha portato il numero totale di azioni che ha scaricato a 13,5 milioni, circa l’80% di ciò che aveva pianificato di vendere. Dei 13,5 milioni di azioni vendute, 8,06 milioni sono state vendute per pagare le tasse relative al suo esercizio di opzioni, secondo i documenti depositati da Tesla

Loading...

L’annuncio ha messo le ali ai titoli del colosso delle auto elettriche, che sono arrivate a guadagnare a Wall Street oltre il 7% vedendo svanire la pressione al ribasso e quell’incertezza che da settimane penalizza il titolo costringendo gli investitori a distrarre l’attezione dai fondamentali.

La battaglia reputazionale

Aver centrato l’obiettivo è un risultato importante per Musk e la sua reputazione, e si affianca alla sua battaglia contro i critici sulle poche tasse pagate dai miliardari. Il tema del fisco appassiona il patron di Tesla da mesi, tanto da averlo portato a scontrarsi con i due senatori democratici di primo piano Elizabeth Warren e Bernie Sanders.

Proprio alla paladina anti-Wall Street fervente sostenitrice di un inasprimento della pressione fiscale per i paperoni, Musk si è rivolto indirettamente nei giorni scorsi annunciando che quest’anno pagherà 11 miliardi di dollari di tasse, la cifra più alta mai versata da un singolo individuo. «Non ho conti offshore, non ho scudi fiscali», ha osservato nel corso di un’intervista a Babylon Bee spiegando di essere talmente trasparente da poter quasi compilare la dichiarazione delle tasse da solo. «Non credo che sia produttivo o interessante» concentrarsi sulla ricchezza, ha aggiunto da uomo più ricco del mondo con una fortuna da 244,9 miliardi. «Tutta la mia ricchezza è in titoli SpaceX e Tesla, due società che ho aiutato a creare, che guido da quasi 20 anni e che hanno fatto molte cose utili», ha osservato.

Nuova inchiesta sull’entertainment

Intanto una nuova grana si è aperta per Tesla. Le autorità americane hanno avviato un’indagine su una delle funzionalità offerte dalla vettura, ovvero la possibilità di intrattenersi con videogiochi mentre si è al volante e con l’auto in movimento. «Questa funzione, conosciuta com ’Passenger Play’, potrebbe distrarre il guidatore e aumentare il rischio di incidente», ha spiegato la National Highway Traffic Safety Administration, precisando che l’inchiesta riguarda 580.000 vetture Tesla. Per il colosso delle auto elettriche si tratta della seconda indagine delle autorità per la sicurezza stradale americana dopo quella in corso sull’Autopilot. Al momento nessuna delle inchieste sembra però in grado di fermare Tesla o scoraggiare i suoi fan all’acquisto

Riproduzione riservata ©

loading...

Loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti