ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùindici e regole

Mutui, slitta di due anni la riforma dell’Euribor. Ecco cosa cambia

di Maximilian Cellino


Mutui, slitta di due anni la riforma dell’Euribor. Ecco cosa cambia

2' di lettura

Slitta al 2022 l’entrata in vigore della Benchmark Regulation (Bmr), la riforma degli indici di riferimento che coinvolge anche quegli Euribor che regolano i mutui a tasso variabile di migliaia di famiglie italiane. Le banche avranno quindi due anni di tempo in più per adattare i propri prodotti ai nuovi tassi «ibridi», sui quali sta peraltro ancora lavorando l’European money markets institute. Ma è l’intero mondo finanziario a tirare forse un sospiro di sollievo, perché a quel parametro e all’Eonia restano ancora indicizzati prestiti per un valore di 2.900 miliardi di euro e strumenti di debito per ulteriori 360 miliardi fra titoli di Stato, bond bancari e aziendali.

GUARDA IL VIDEO / Spread, gli effetti sui mutui già in essere e su quelli da stipulare

La proroga è stata accordata dalla Ue, che ha formalmente concesso ai fornitori di «benchmark critici» tempo fino al 31 dicembre 2021 per conformarsi ai nuovi requisiti del regolamento, introducendo anche due anni supplementari per il riconoscimento o l’approvazione dei parametri prodotti al di fuori dell’euro (quindi in valute differenti). «La proroga è estremamente gradita, visto che il numero e la varietà di contratti finanziari collegati a Euribor ed Eonia rende la riforma estremamente complessa e molto resta ancora da fare», sottolinea Stevi Iosif, associate director of advocacy di Afme, l’Associazione europea per i mercati finanziari.

GUARDA IL VIDEO / Mutui, slitta di due anni la riforma dell'Euribor. Ecco cosa cambia

La decisione sugli indici low-emission
Tecnicamente la decisione Ue è arrivata insieme all’accordo politico raggiunto ieri dal Parlamento europeo e dagli Stati membri su una nuova generazione di benchmark legati alle emissioni di carbonio, necessari per contribuire a rafforzare gli investimenti in progetti e attività sostenibili (Esg, acronimo di Environmental, social e governance). Regole che Parlamento e Consiglio Ue devono ancora approvare formalmente: di qui la necessità di un lasso di tempo più esteso che la Bmr concede anche a Eonia (sul cui sostituto sta lavorando la stessa Bce, che ha creato Ester) ed Euribor. Sarà fondamentale adesso non sprecare il tempo prezioso acquistato.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...