ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùPrestiti

Mutui, surroghe dal variabile al fisso: le migliori offerte

Per una maggiore tutela contro i rialzi futuri, il tasso fisso sembra essere l’opzione più sicura, sia per le richieste di primo mutuo sia per la surroga

di Mariangela Riontino

Volano i tassi dei mutui, in Italia verso quota 5%

2' di lettura

Il mese di novembre si è aperto con un ritocco al rialzo dei tassi di interesse sui mutui da parte di diverse banche, un riflesso della terza manovra anti-inflazione attuata dalla Banca centrale europea che, con il nuovo incremento di 75 punti base di ottobre, ha portato i tassi di riferimento al 2%.

Ultimo rialzo della Bce è operativo dal 2 novembre

La maggioranza delle banche ha scelto, almeno per ora, di riversare solo in parte l’aumento del costo del denaro sugli aspiranti mutuatari: rispetto a ottobre, i migliori mutui a tasso fisso sono aumentati di 25 punti base a fronte di un rialzo dell’indice di riferimento Irs di 40 punti base, mentre i migliori variabili sono cresciuti di 15 punti base contro i 30 dell’Euribor. Va inoltre ricordato che l’ultimo rialzo della Bce è operativo dal 2 novembre, per cui i reali effetti sul tasso variabile, più suscettibile alle oscillazioni di mercato, saranno visibili a dicembre.

Loading...

Gli scenari di MutuiSupermarket.it

Nello scenario ipotizzato da MutuiSupermarket.it per una richiesta di 140mila euro (su 200mila euro di valore dell’immobile) per un mutuo di 25 anni, i migliori tassi fissi per gli over 36 anni partono dal 3,44% e, per i più giovani, dal 3,3%. Invece per passare con una surroga al tasso fisso si parte dal 3,54%. Valori destinati a crescere sensibilmente se la richiesta di mutuo supera l’80% del costo dell’immobile (tasso variabile al 3,5% e tasso fisso al 4,5-5%).

Euribor 3 mesi cresciuto di 1,58%

A fronte dell’aumento di 0,75% deciso dalla Bce settimana scorsa su un mutuo di 140mila euro è atteso un aumento di 50 euro della rata mensile. Da inizio anno l’aumento della rata è stato sensibilmente maggiore: l’Euribor 3 mesi è passato da -0,58% di inizio anno all’1,01% medio di settembre, quindi è cresciuto di 1,58% che comporta un aumento di circa 106 euro al mese. E le aspettative sono di ulteriori aumenti dei tassi Bce fino a metà 2023.

LE MIGLIORI OFFERTE
Loading...

Tasso fisso opzione più sicura

Il tempo stringe e per una maggiore tutela contro i rialzi futuri, il tasso fisso sembra essere l’opzione più sicura, sia per le richieste di primo mutuo sia per la surroga.

Giù le richieste di mutuo degli under 36

«Dal momento che le banche stanno un po’ tardando nel riversare l’aumento del costo del denaro sui propri clienti, si è creata un’opportunità per i detentori di mutui a tasso variabile per surrogare verso un mutuo a tasso fisso ancora al di sotto del 4%, optando di fatto una protezione dai futuri aumenti imprevedibili del costo del denaro - commenta Guido Bertolino, responsabile business development di MutuiSupermarket.it -. Diversi utenti già negli scorsi mesi hanno iniziato a cogliere questa opportunità, dal momento che abbiamo rilevato un consistente interesse per la surroga che nel mese di ottobre è arrivata a rappresentare il 22% delle richieste raccolte sul canale online contro una media dell’8% rilevata tra aprile e luglio di quest’anno». Negli ultimi mesi hanno invece subìto un calo le richieste di mutuo degli under 36, a causa probabilmente della scadenza a fine 2022 degli incentivi fiscali per l’acquisto della prima casa e dell’indisponibilità di offerte di mutuo con il Fondo di Garanzia Consap.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti