unicorni fintech

N26, con un round da 300 milioni di dollari la valutazione balza a 2,7 miliardi

di P.Sol.


2' di lettura

Triplicando la sua valutazione in meno di un anno la fintech tedesca N26 diventa il campione europeo del fintech. La challenger bank ha annunciato di aver chiuso un round di finanziamento di serie D da 300 milioni di dollari, che porta la valutazione a 2,7 miliardi di dollari.

Il finanziamento sarà utilizzato per l’espansione internazionale, cominciando con il lancio sul mercato statunitense previsto per il primo semestre del 2019. A oggi la mobile bank è attiva in 24 mercati in Europa, Italia compresa, e ha triplicato la base clienti nell’ultimo anno superando i 2,3 milioni di utenti. «In tutto il mondo, milioni di persone continuano ad avere esperienze bancarie negative e a pagare commissioni elevate. Grazie all’ingresso di Insight Venture Partners e Gic tra i nostri investitori esistenti, possiamo avvalerci del sostegno dei migliori player a livello globale per trasformare uno dei più grandi settori al mondo», ha affermato Ceo e co-fondatore Valentin Staff.

Le decisioni sulle prossime tappe dell’espansione sono attese a breve, ma in programma ci sarebbe uno sbarco negli Stati Uniti nell’ambito della strategia di N26 per proporsi come banca mobile globale. Anche i rivali europei, tra cui Monzo e Revolut, stanno avviando una campagna di espansione internazionale.

Il nuovo round di finanziamento, annunciato a sorpresa a soli dieci mesi dal precedente, è stato guidato dal fondo di private equity Insight Venture Partners e dal fondo sovrano di Singapore Gic. Ad oggi N26 ha raccolto 513 milioni di dollari in cinque round: tra gli investitori figurano Tencent, Allianz X, Valar Venturs di Peter Thiel, Horzizons Venture di Li Ka-Shing ed Earlybird Venture Capital.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti