Mercato

Nasce Aigab, l’associazione dei gestori di affitti a breve termine

Due i primi obiettivi: lotta al sommerso e dialogo con il governo

di Paola Dezza

default onloading pic
(MyCreative - stock.adobe.com)

Due i primi obiettivi: lotta al sommerso e dialogo con il governo


1' di lettura

Fare sistema e interloquire con il governo sui temi nodali del settore. È questo l’obiettivo principale di Aigab, neonata Associazione Italiana Gestori Affitti Brevi, che vuole promuovere un vacation rental professionale e legale, ma anche flessibile e innovativo. L’associazione nasce dall’unione di cinque società del settore. Del direttivo fanno parte il presidente Marco Celani, ad di Italianway, Michele Ridolfo, co-founder e ad di Wonderful Italy, Francesco Zorgno, co-founder e ad di CleanBnB, Davide Ravalli di Altido e Rocco Lomazzi, chairman di Sweetguest.

Le cinque società fondatrici di Aigab possono vantare un giro di affari di 60 milioni di euro, 5mila case, 300 dipendenti diretti e 1.500 nell’indotto.

Loading...

Primo obiettivo la lotta al sommerso. «Chiediamo di introdurre i controlli su chi gestisce appartamenti in nero - dice il presidente -, non il singolo privato che affitta una seconda casa per arrotondare lo stipendio, ma chi gestisce 5-6 appartamenti senza pagare tasse». Altra richiesta urgente alla politica è che si possa dialogare sui cambiamenti della normativa di settore. Aigab, viste le novità normative recenti, vuole mettersi a disposizione del Legislatore per fornire il supporto per coadiuvare le istituzioni nella lotta al sommerso, ma anche dare una rappresentanza a tutte le aziende italiane che operano sul mercato degli affitti brevi.

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati