Elettrico

Nasce tra Modena e Torino la hypercar Fulminea da 2 milioni di euro

Debutterà sul mercato nel 2023 in 61 esemplari - Design italiano e batterie con elettrolita solido e quattro motori elettrici da 1,5 MW di potenza

di Filomena Greco

3' di lettura

Nasce tra Modena e Torino e guarda al mercato delle auto elettriche di lusso. Il debutto è previsto per il 2023 ad un prezzo di quasi due milioni di euro. Si chiama Fulminea la creatura a quattro ruote di Gianfranco Pizzuto, il fondatore di Automobili Estrema, brand di nicchia che punta a guadagnarsi una fetta del mercato delle supercar elettriche ad alte prestazioni, sulla scia della Mate Rimac e della Pininfarina Battista. Il progetto punta sul design dal gusto italiano e sull’uso di materiali di ultima generazione, ma il punto di forza è rappresentato dalla tecnologia delle batterie.

Il progetto industriale

Un progetto industriale con una doppia valenza: Da un lato realizzare una supercar di lusso con prestazioni da racing car e un cuore elettrico, dall’altro, alla luce della collaborazione con la belga ABEE (Avesta Battery Energy Engineering), sviluppare un sistema di batterie innovativo destinato alla fascia di mercato delle auto di lusso, che guarda a Medio Oriente, Far East Costa Pacifica. «Abbiamo creato un’auto che incarna il modello italiano del design – racconta il patron Gianfranco Pizzuto, fondatore e eo di Automobili Estrema – grazie alle linee morbide e all’eleganza del profilo. La dotazione tecnologica più avanzata è quella del sistema di batterie, primo a celle con elettrolita solido, con pesi e ingombri inferiori rispetto alla media».

Loading...

Fulminea sarà sul mercato con 61 esemplari, una produzione limitata con a bordo un prototipo di batterie che può avere interessanti sbocchi industriali. «Il nostro obiettivo – aggiunge Pizzuto – non è solo quello di produrre auto esclusive in serie limitata, ma industrializzare la produzione di batterie per sistemi avanzati, un business che può avere ricadute globali».

Caratteristiche tecniche

Fulminea sarà la prima auto al mondo a utilizzare un pacco batteria “ibrido” che abbina celle Li-ion con elettrolita allo stato solido prodotte da ABEE (Avesta Battery Energy Engineering) e ultracondensatori, elementi che consentono il boost di energia necessaria per sfruttare al massimo la potenza dei 4 motori elettrici.Raggiunge i 100 kWh di energia per alimentare i 4 motori elettrici della potenza complessiva di 1,5 MW, pari a 2.040 cavalli.

La potenza è distribuita alle ruote dai 4 motori elettrici che permettono a Fulminea di accelerare da 0 a 320 km/h in meno di 10 secondi. Il pacco batterie ha un'autonomia prevista - secondo il ciclo WLTP - di 520 km. Grazie all'utilizzo di celle allo stato solido di forma prismatica, la batteria ibrida può avvalersi della tecnologia “cell to pack” arrivando a toccare una densità energetica pari a 500 Wh/kg che equivalgono a 1.2 kWh/l, con un peso di batteria pari a 300 kg e un peso totale in ordine di marcia di 1.500 kg.

Il Battery Management System (BMS) è supportato da un software denominato “EVE-Ai” che ottimizza e attiva la richiesta di potenza tra i due sistemi energetici per massimizzare l'efficienza e le prestazioni della vettura, personalizzando la strategia di controllo in base all'ambiente, alle condizioni della batteria e allo stile di guida.

Design

La carrozzeria dalla linea scolpita viene combinata con allestimenti ed elementi tipici del mondo racing: assetto da competizione, elementi aerodinamici in carbonio, ala mobile posteriore che si integra nella carrozzeria a vettura ferma, brancardi sulle fiancate, estrattore posteriore, dischi copricerchi in carbonio, pinna di squalo e varie prese d'aria.

Per la prima volta è stato sviluppato un sistema di pannelli di metacrilato riciclato ad altissima trasparenza con luci a led RGB per creare, tramite un effetto a guida-luce simile a quello delle fibre ottiche, un design accattivante per i gruppi ottici posteriori, abbinato ad una funzione aerodinamica.

Un sistema di telecamere poi è stato integrato su entrambi i lati esterni dei parafanghi per sostituire gli specchietti retrovisori. Permette di registrare e proiettare in tempo reale all'interno della vettura ciò che si trova nel campo visivo esterno all’abitacolo. Per mantenere eleganza e purezza della vettura, le telecamere ruotano solamente durante le fasi di marcia e parcheggio.Le maniglie infine sono integrate della struttura di Fulminea grazie ad un innovativo sistema touch, non visibile.

I partner

Nella Motor Valley italiana hanno sede tutte le fasi di engineering e assemblaggio dell’auto, nel Torinese invece sono realizzati lo stile e la modellazione dell’hypercar in collaborazione con lo studio EPTA Design e con UCIF Modelli, con i gruppi ottici realizzati da EST Mobile.

Sul fronte della tecnologia, Automobili Estrema ha due partner principali: ABEE, società di ingegneria belga specializzata in tecnologie energetiche per applicazioni automobilistiche e IMECAR Elektronik, con sede ad Antalya (Turchia), specializzata invece nell’elettrificazione di veicoli e nella produzione di pacchi batteria e componenti del gruppo propulsore. Fulminea monta pneumatici Pirelli.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti