CONCORRENZA

Nasce lo strumento europeo per denunciare i «cartelli» sui prezzi

di Beda Romano

Olycom

1' di lettura

Alcuni mesi fa un gruppo di giornali europei ha creato una piattaforma criptata sulla quale cittadini e imprese possono caricare documentazione privilegiata per denunciare alla stampa reati e altre pratiche illegali. Ieri è stata la Commissione europea ad annunciare la nascita di un nuovo strumento, questa volta per consentire ai privati cittadini di denunciare cartelli sui prezzi e altre possibili violazione delle regole sulla libera concorrenza.

«Se i cittadini sono preoccupati dinanzi a pratiche commerciali che considerano criticabili, possono aiutarci a risolvere i problemi», ha detto in un comunicato la commissaria alla Concorrenza Margrethe Vestager. «Grazie a questo nuovo strumento, sarà possibile fornire nuove informazioni, mantenendo l'anonimato. Queste informazioni potranno permetterci di chiudere le nostre indagini più rapidamente e più efficacemente».

Loading...

Da sempre la Commissione si affida alle società per scoprire cartelli e pratiche illegali nel campo della concorrenza. Da ora, l'esecutivo comunitario potrà contare sull'appoggio anche dei privati cittadini. Bruxelles potrà rispondere ai quesiti delle persone e perseguire nuove piste. Le denunce potranno avvenire per telefono, per posta elettronica e anche su un sito criptato in modo da garantire l'anonimato (http://ec.europa.eu/competition/cartels/whistleblower/index.html).
In questi due anni e mezzo a Bruxelles, la signora Vestager si è impegnata in modo particolare contro i cartelli sui prezzi, prendendo 14 decisioni in questo campo e imponendo multe a 52 società per un totale di 4,3 miliardi di euro. Nel luglio scorso, la Commissione europea ha comminato una storica ammenda di tre miliardi di euro a cinque società del settore dei camion perché per anni si sono messi d'accordo sui prezzi: Man, Volvo/Renault, Iveco, Daimler e Daf.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti