ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCommercio elettronico

Natale, dalla Polizia postale la guida per gli acquisti sicuri in rete

Vademecum disponibile sul sito istituzionale, sul portale del Commissariato online e sulle relative pagine Facebook e Twitter

di Nicola Barone

Cybersecurity: boom attacchi, 3.147 imprese in "guerra"

2' di lettura

Con gli ultimi regali da fare e negozi presi d’assalto per l’avvicinarsi del Natale l’acquisto online (dalla consegna rapida) diventa un opzione per molti. Una buona occasione per stare in campana, mettendosi al riparo dal rischio di frodi digitali sempre in agguato, è l’opuscolo con i consigli utili e i suggerimenti pratici per gli acquisti in rete della Polizia postale. Il vademecum è disponibile sul sito istituzionale, sul portale del Commissariato online e sulle relative pagine Facebook e Twitter.

Più di 14mila i casi di truffe online

Nei primi undici mesi del 2022 sono oltre 14mila i casi di truffe online trattati dalla Polizia postale. Il 60% è costituito proprio dalle truffe in commercio elettronico, per l’acquisto di beni e servizi immobiliari legati all’affitto di case vacanze fantasma. In questi ambiti sono stati sottratti quasi 9 milioni di euro e denunciate oltre 2.500 persone. «Alcune ricerche confermano che il modello dell’acquisto di impulso legato a offerte speciali, ad esempio stock limitati o con prezzi scontati, si è talmente diffuso che anche i truffatori seriali riescono ad inserirsi con false vendite - sottolinea la Polizia -. Nonostante ciò la stragrande maggioranza degli acquirenti online si affida alla rete per gli acquisti, anche chi non è esperto a comprare in totale tranquillità».

Loading...
Cybersecurity, quattro italiani su dieci ignorano i rischi

Software e antivirus sempre aggiornati

La Polizia postale consiglia di utilizzare software - antivirus - e browser completi e aggiornati. «Gli ultimi sistemi antivirus (gratuiti o a pagamento) danno protezione anche nella scelta degli acquisti su internet», spiega. Consigliabile, poi, dare la preferenza a siti certificati o ufficiali per gli acquisti, come quelli delle grandi catene già note ed è utile verificare le recensioni degli utenti davanti a un prezzo molto conveniente. Un sito, inoltre, deve avere gli stessi riferimenti di un vero negozio come partita Iva, numero di telefono, indirizzo fisico e dati per contattare l’azienda. Prima di acquistare online è utile anche leggere i commenti degli altri utenti. Per evitare di essere indirizzati su siti truffaldini, inoltre, è consigliabile usare app ufficiali su smartphone e tablet.

Meglio usare carte ricaricabili

Per pagare è preferibile utilizzare carte di credito ricaricabili. Se un venditore chiede ulteriori dati - come il pin - probabilmente vuole assumere informazioni personali. Attenzione poi a mail o sms contraffatti che chiedono di cliccare su un link trappola. Se un annuncio sembra breve o con poche informazioni, meglio chiederne altre al venditore. Se un oggetto, inoltre, costa troppo poco non sempre è un affare. La polizia, infine, consiglia di dubitare «di chi chiede di esser contattato al di fuori della piattaforma di annunci con e-mail ambigue ma anche di chi ha troppa fretta di concludere l’affare».


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti