demografia

Natalità, le roccaforti campane

In Campania le nuove nascite hanno “superato” di gran lunga i decessi. Mentre tra Cremona e Piacenza - nelle zone rosse della prima ondata Covid, la differenza tra nuove nascite e decessi vira in negativo

2' di lettura

È soprattutto in Campania che le nuove nascite hanno “superato” di gran lunga i decessi. Mentre tra Cremona e Piacenza - nelle zone rosse della prima ondata, dove il Covid-19 ha colpito più duramente - si registra il più triste saldo naturale: qui la differenza tra nuove nascite e decessi vira in negativo e, in rapporto alla popolazione residente, registra le incidenze più tragiche.

Le roccaforti campane della natalità in alcuni casi hanno “battuto” il trend dei decessi. Tra i Comuni con il tasso di nati-mortalità più elevato in rapporto alla popolazione residente spicca Giugliano in Campania (nell’entroterra nord occidentale di Napoli) che conta 119mila abitanti. Qui si registra il saldo naturale più elevato: negli ultimi 12 mesi (da novembre 2019 a ottobre 2020) sono state registrate 1.120 nascite e 798 decessi, per una saldo positivo di 322 unità.

Loading...

In base all’ultimo censimento permanente della popolazione svolto nel 2018 e nel 2019 dall’Istat, in Campania l’età media è 42,5 anni contro i 45,2 dell’Italia. E il comune più giovane è Orta di Atella, in provincia di Caserta, con una età media di 35,3 anni e circa 27.600 abitanti: qui i nati sono stati 306 in 12 mesi.

A minare il predominio campano nella top 5 è una cittadina alle porte di Palermo: Carini, con 144 nati al netto dei morti. Merito soprattutto delle coppie giovani che l’hanno scelta per mettere su famiglia. Ex buen retiro dei palermitani, Carini ha cambiato volto: «Era una località stagionale, ma negli ultimi 10 anni ha guadagnato 20mila residenti - conferma il sindaco Giuseppe Monteleone -. Chi aveva la seconda casa l’ha data ai propri figli che si sono stabiliti qui, ma è cresciuto anche il numero dei residenti spinti dalla volontà di allontanarsi dalla città e dai suoi costi».

Tenere dietro a questa espansione naturale non è semplice: «Il Comune- spiega il sindaco - sta uscendo dal dissesto finanziario, mancano i soldi da investire. Le priorità? Assunzioni, servizi scolastici, servizi sociali».

LE NASCITE “BATTONO” I MORTI
Loading...
Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti